30 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Luglio 2021 alle 17:43:00

Calcio Sport

Gioia Taranto, vittoria e promozione


Ore 17.58, fischio finale. Il Taranto ha vinto sul campo di Venosa la partita con il Lavello. Ha vinto il campionato, il girone H di serie D. Ha vinto la promozione in serie C/Lega Pro, o quello che sia, comunque la terza serie nazionale per importanza nel calcio italiano. Per capire che giornata sia quella di oggi, 13 giugno, basti  ricordare che dall’ultima volta che i rossoblù avevano chiuso al primo posto un campionato sono passati vent’anni.

Un clima da corrida, in terra lucana, per una vittoria sudatissima, in rimonta, su un campo dai rimbalzi imprevedibili: la retorica dell’ultima battaglia, stavolta, è stata rispettata in pieno. Il risultato finale 2-3, gol tarantini di Corado e Gianmarco Rizzo entrambe le volte su calcio d’angolo, dopo il vantaggio del Lavello nel primo tempo. Dell’Orfanello, doppietta per lui, ha riportato il risultato in parità, prima della rete decisiva del giovane Santarpia. Una gara di rara intensità, bellissima, come sa esserlo la sofferenza quando lascia il posto alla felicità.

Una gioia enorme per la squadra rossoblù, la tifoseria e la società, che i deludenti risultati delle scorse stagioni e qualche errore anche comunicativo avevano allontanato dalla tifoseria stessa.

Il volto di questo Taranto vincente è soprattutto quello di mister Giuseppe Laterza, a cui la squadra assomiglia molto: umile, determinata, sicura di sé senza mai cadere nella presunzione. Una squadra che non ha avuto paura degli errori che ha commesso (anche oggi), e neppure degli episodi, delle sfortune, dei gol subiti oltre il recupero, delle sconfitte immeritate. La maggiore diversità di questo Taranto rispetto a quello che soprattutto chi l’amava aveva dovuto ribattezzare “il solito Taranto”. Il resto è storia, in una stagione comunque indimenticabile, in piena pandemia. Passata la legittima sbornia dei festeggiamenti, da domani sarà tempo del futuro, di cui bisognerà essere all’altezza. Gli avversari saranno tra gli altri Bari, Catania, Avellino, Palermo. Bentornato a casa, Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche