19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Archivio Sport

Non solo Mendicino per i rossoblu

TARANTO – Un colpo al fotofinish, dopo quello che ha portato a Taranto Ettore Mendicino. Non sono escluse sorprese dell’ultimo minuto, in questo ultimo spezzone di mercato. Ne ha parlato in conferenza stampa anche il tecnico Davide Dionigi. “Sono andati via tre attaccanti e dovevamo pareggiare il conto. Volevamo completare la rosa con un calciatore con caratteristiche differenti da Guazzo e Girardi. Per me Mendicino è solo una prima punta. E’ bravo ad attaccare la profondità, con un ottimo tiro e vede la porta.

Per il nostro gioco, basato sulla velocità delle fasce, non mi sembra adatto al ruolo di esterno. Deve recuperare perché arriva da un periodo di non gioco e ricordiamo che lo scorso anno Sy debuttò solo dopo cinque partite”. Le attenzioni, ovviamente, sono rivolte sul match di lunedì sera allo Iacovone con il Sorrento. “Una partita difficile contro un avversario che sulla carta, insieme al Benevento, ha l’organico più competitivo, ma ce la giochiamo con tutti per vincere. Ci proveremo confidando nel supporto del pubblico. Il Sorrento è una squadra forte che cercherà di fare la partita e, allo stesso tempo, lascerà molti spazi. Di certo, non avrà lo stesso atteggiamento delle altre formazioni, che si sono chiuse impedendoci di ragionare. E’ un periodo in cui affrontiamo le squadre più in forma, tranne il Pavia, ma per noi è uno stimolo per mantenere alta la concentrazione”. Sullo sfondo c’è il duello con la Ternana. “Dobbiamo cercare di arrivare allo scontro diretto con meno punti possibili di svantaggio. Siamo due squadre che stanno facendo un campionato strepitoso, ma quella sfida non sarà decisiva perché non ci sono mai partite scontate e spesso gli episodi risolvono le cose”. Il vero problema sembrano gli infortuni. “Siamo in emergenza. Per fortuna Di Bari è meno grave del previsto, mentre Coly e Prosperi al momento sono out. Per Prosperi valuteremo nella giornata di sabato (oggi, ndr). Comunque, ho fiducia in tutti i miei calciatori anche se bisogna considerare lo stato di forma di chi non scende in campo da parecchio tempo. L’ipotesi della difesa a quattro? Non è da escludere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche