19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Archivio Sport

“Non molliamo”. Garantisce mister Dionigi


TARANTO – Un confronto, questo pomeriggio allo Iacovone, per analizzare la situazione e decidere cosa fare. Non sarà una ripresa degli allenamenti come le altre, quella in programma nel pomeriggio; e il fatto che domenica ci sia la sosta stavolta non conta. I giocatori si parleranno, dopo la lunghissima giornata di ieri dalla quale sono uscite davvero poche certezze sul fronte-stipendi. Stando a quanto trapelato, il presidente D’Addario avrebbe ‘inoltrato’ ai giocatori il denaro della Lega sbloccato ieri e relativo ai diritti tv: una cifra che comunque non basterebbe a coprire stipendi e contributi, con conseguente penalizzazione.

Di due punti nella migliore delle ipotesi, di quattro nella peggiore. In assenza di comunicazioni ufficiali da via Martellotta, a metterci la faccia è stato Davide Dionigi, ospite ieri sera della trasmissione 100Sport Magazine. “Ancora nulla è perduto. Il gruppo che mi onoro di allenare è molto forte e non mollerà nemmeno in presenza di difficoltà così evidenti. Garantisco io stesso per i miei ragazzi, che però hanno bisogno del sostegno incondizionato della città e della tifoseria, che, per dire la verità, non è mai mancato. Comprendo lo scoramento della gente, ma siamo ancora in corsa per traguardi importanti e si abbattiamo adesso è la fine” Questo il ‘messaggio ai naviganti’ lanciato dal trainer emiliano, ormai tarantino d’adozione. “In presenza di una nuova penalizzazione dovremo dire addio al primo posto, senza prendersi troppo in giro. Non so se un domani ci ritroveremo con altri 4 punti in meno, ma di sicuro il campionato non è ancora finito. La sfida di sabato 25 (scontro diretto al Libero Liberati di Terni, ndr) forse ha perso un po’ di pathos, anche se siamo già a lavoro per potere recuperare il gap che ci separa dalla squadra di Toscano. Sono legato al club fino al 2016, e non sarebbe un problema rimanere anche in Lega Pro. Ho rapporto bello e particolare con la città e la famiglia D’Addario”. Intanto, le voci del tifo sono pressoché unanimi: serve chiarezza sullo ‘stato di salute’ del Taranto. Stasera, ad ogni buon conto, se ne saprà di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche