19 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 22:47:00

Archivio Sport

Crisi rossoblu. Patto di ferro nello spogliatoio


TARANTO – A Terni per l’orgoglio, dimenticando penalizzazioni già arrivate e che, inevitabilmente, arriveranno. Perchè il campo dice che Taranto e Ternana viaggiano quasi appaiate e senza quei tre punti persi fuori del campo di gioco una vittoria al Liberati vorrebbe dire sorpasso. Un modo per dire: siamo più forti noi. E poi, c’è la sconfitta dell’andata da ‘vendicare’, sportivamente parlando. E’ la conclusione a cui sono arrivati, dopo un lungo faccia a faccia poi allargato alla società (il dg Hulls, il vicepresidente D’Addario) i calciatori rossoblu, che si sono ritrovati ieri pomeriggio allo stadio Erasmo Iacovone.

Il presidente D’Addario avrebbe ‘inoltrato’ ai giocatori il denaro della Lega sbloccato il 14 febbraio, relativo ai diritti tv: una cifra che comunque non basterebbe a coprire stipendi e contributi, con conseguente penalizzazione. Di due punti nella migliore delle ipotesi, di quattro nella peggiore. In questo senso, ad aprile arriverà l’ulteriore segno meno ad appesantire ancora il fardello portato dalla squadra. Oggi, però, questo non conta: Dionigi vuole vincere assolutamente la gara di Terni, e questo a prescindere da fattori ‘esterni’. L’impresa non è facile, perchè la formazione di Toscano sta andando oltre le più rosee aspettative, ma lo stesso si può dire del Taranto. I virtuali nove punti di ritardo dalla capolista rendono oggettivamente difficile pensare alla promozione diretta, ma i playoff sono più che alla portata di un gruppo ‘sano’, che – è emerso dall’incontro di ieri – intende andare sino in fondo, giocandosela senza tirare indietro la gamba, come si dice in gergo. Poi, si vedrà. Del resto, i giocatori sanno di poter contare sul sostegno di una città intera. La partita del Flaminio con l’Atletico Roma, la notte dopo la vittoria di Reggio, la raccolta fondi del gruppo Taranto Supporters per fare addirittura da sponsor: episodi che hanno lasciato il segno e non hanno lasciato indifferenti Dionigi ed i suoi uomini. Pronti a rispondere sul campo, a partire dalla trasferta sul campo della capolista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche