23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 17:54:14

Archivio Sport

Dionigi cerca la cura per il mal di gol


TARANTO – Il dottor Dionigi a caccia di una cura per il mal di gol. E’ la malattia del Taranto, che il trainer emiliano deve provare a guarire. Proprio lui, ex attaccante di razza, deve fare i conti con la crisi in cui sembrano piombate le sue bocche da fuoco. Guazzo, Girardi, Mendicino: a chi affidare la maglia numero 9 è l’interrogativo con cui deve fare i conti il mister rossoblu. Che a Terni ha scommesso proprio sull’ultimo arrivato, il giovane centravanti cresciuto a Formello, scuola Lazio, che però non ha ripagato le aspettative.

Ci sarà il francese Rantier, mentre Chiaretti, infortunato, sarà sostituito da Alessandro. Il tridente, quindi, è fatto per due terzi, con un punto interrogativo ancora da sciogliere, anche se molto importante. Perchè la questione, adesso, va al di là dei singoli, visto che al Taranto mancano moltissimo le reti proprio degli attaccanti. Una situazione non semplice da risolvere, per Davide Dionigi. Per il resto, in casa ionica è emergenza, in vista del match di domenica allo stadio Erasmo Iacovone contro la Pro Vercelli terza in classifica: uno scontro diretto, quindi. Il Taranto è secondo, a 47 punti; la squadra piemontese, invece, è terza, a quota 43, con una partita in meno (quella con l’Avellino). Non è possibile, quindi, permettersi distrazioni o passi falsi, e bisogna metabolizzare quanto accaduto in Umbria, nel sabato di fuoco con la Ternana. Il Taranto ha preso per i capelli un punto d’oro, in quel di Terni, Antonazzo, Sciaudone e Rizzi squalificati, come è del resto lo stesso Dionigi. Chiaretti infortunato. Queste le conseguenze di una sfida accesissima, e davvero molto sentita, da una parte e dall’altra. Il centrocampo, con le assenze certe di Sciaudone, Rizzi ed Antonazzo, sarà praticamente obbligato. Bremec, Sosa, Di Bari, Prosperi; Garufo, Di Deo, Pensalfini, Bertolucci; Alessandro, Mendicino (o Guazzo o Girardi), Rantier dovrebbe essere l’undici iniziale contro i piemontesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche