27 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 17:59:00

Archivio Sport

Nuova chance per Girardi. Dionigi ci pensa


TARANTO – Più che la tuta, Davide Dionigi indossa il camice. Perchè c’è un fastidiosissimo mal di gol da curare. E’ sull’attacco che sono concentrate le attenzioni del Taranto, in vista della partita che i rossoblu giocheranno domenica sul (difficile) campo di Monza. Perchè è questo il vero problema della formazione ionica, che deve fare i conti con le difficoltà delle bocche da fuoco a fare il loro compito principale: segnare.

Non è in discussione l’impegno e il lavoro, prezioso, fatto a sostegno della squadra, ma Dionigi è preoccupato della sterilità offensiva, con i gol che arrivano col contagocce e da chi non te li aspetti, come Vito Di Bari, squalificato per domenica. Sta facendo un doppio lavoro, Dionigi. Psicologico e tattico. Motivare i suoi uomini, spronandoli anche con toni forti, è la prima parte dell’impegno. C’è poi l’aspetto squisitamente tattico, e – in tandem con il vice Sibiliano – Dionigi sta puntando su schemi nuovi, per provare altre chiavi e scardinare la porta, oggi ‘bloccata’. Ma in campo, si sa, vanno i calciatori. Ed è a loro che spetta l’ultima parola, quella definitiva. Dionigi sta pensando di dare una nuova chance a Mimmo Girardi, quello che nelle intenzioni avrebbe dovuto essere il numero 9 titolare, prima di essere scalzato da Guazzo. Dopo aver provato con Mendicino, Dionigi – attaccante di prima scelta, che per contrappasso si ritrova con la difesa meno battuta d’Europa ed una prima linea anemica – pensa quindi di tornare alle origini, mettendo in campo proprio Girardi. Non sono sfuggiti i ‘musi lunghi’ dell’ariete di Terzigno, confinato addirittura in tribuna in qualche occasione. Ora Dionigi potrebbe offrirgli una nuova possibilità, con un compito chiaro, e cioè sfruttarla. Ad agire sulle ali sarebbero Rantier e l’ottimo Danilo Alessandro, protagonista di un positivo momento di forma e che si è ritagliato un posto importante nell’economia della formazione pugliese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche