25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 08:59:00

Archivio Sport

Obiettivo 5.000 per la notte dello Iacovone


TARANTO – L’asticella è fissata a quota cinquemila, abbonati compresi. Difficile prevedere se l’obiettivo sarà raggiunto. C’è un’altra partita che si gioca, oltre a quella che andrà in scena domani allo stadio Erasmo Iacovone tra Taranto e Benevento. Il risultato da prevedere è quello delle presenze allo stadio, dato ‘sensibile’ in una città dove la passione per il calcio è un’istituzione. Fa rumore, quindi, la prevendita fiacca che ha contrassegnato questa vigilia delle partita con la compagine campana, incrocio determinante della stagione degli uomini di Davide Dionigi.

Questa sera, alle 18.30 sotto le luci dei riflettori dello stadio la formazione da contrapporre agli uomini di Imbriani prenderrà forma, ma sono diversi i dubbi con i quali deve fare i conti Dionigi. L’assenza di Sosa – squalificato – dovrebbe far rientrare in gioco Demetrio Cutrupi, con Coly sicuro del posto ed uno tra Di Bari e Prosperi a completare il reparto. A centrocampo, a destra ci sarà uno tra Antonazzo e Garufo, con Rizzi dirimpettaio a sinistra, mentre Pensalfini e Di Deo dovrebbero essere i centrali. Panchina per Sciaudone, mentre in attacco il ballottaggio è tra Guazzo e Girardi. Come detto, il match – che sarà trasmesso in diretta da SportItalia – si presenta come fondamentale per il prosieguo del cammino della squadra ionica, reduce da cinque pareggi di fila che hanno allargato la forbice dalla capolista Ternana, volata a +7, e ristretto quella con la Pro Vercelli terza, oggi a -2 aspettando la penalizzazione che colpirà ancora i rossoblu. La vicenda è quella degli stipendi, al centro di un importante colloquio tra squadra e società. Di contro, il Benevento sbarca a Taranto con l’intenzione di giocarsi le ultime chance di agguantare la zona playoff. “Andremo a Taranto a giocarci la nostra partita consapevoli che quella dello Iacovone è una sfida che tutti vorrebbero giocare. Mi affido agli stimoli dei miei uomini. Speriamo di fare una bella figura” quanto dichiarato da Carmelo Imbriani, che ha confermato fiducia nel modulo 4-3-3. Con il Pisa a dare la scossa è stato l’ingresso del grande ex della partita, l’attaccante franco-guineano Ousmane Sy, uno dei protagonisti annunciati del match. Il Taranto sarà meno sudamericano, non ci sarà l’uruguaiano Cristian Sosa, squalificato dopo il rosso rimediato a Monza, mentre sarà forfait anche per il brasiliano Chiaretti, che non ha ancora recuperato dall’infortunio e vedrà la sua maglia indossata ancora da Danilo Alessandro. Notizie non positive per Davide Dionigi, anch’egli squalificato, chiamato a preparare al meglio una partita decisamente non facile, contro un avversario in grande forma. Non così in casa rossoblu, dove gli ultimi cinque pareggi di fila hanno lasciato il segno e dove proprio la questione degli stipendi rischia di creare ulteriori difficoltà. Ma a parlare, domani sera, dovrà essere solamente il campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche