Archivio Sport

Sfida sulla nave Garibaldi


TARANTO – E’ stata una partita senza precedenti, come il campo che l’ha ospitata. Sulla portaerei Giuseppe Garibaldi Capitano di Vascello Walter Zappellini è andato in scena l’abbraccio tra Marina e Cras, con la formazione rossoblu ‘opposta’ ad una selezione delle ragazze in divisa, che per una volta hanno tolto le stellette ed indossato la canotta da gioco. Il comandante della Garibaldi ha affermato “sono due realtà che esprimono pace”. E’ finita 21–9 per il Cras, ma il risultato conta poco.

E’ stato un momento storico; è avvenuto solo negli Usa che una partita di basket fosse giocata su una portaerei, ed in quel caso tra gli spettatori c’era Obama. Il comandante della Garibaldi ha suggellato la chiusura dell’incontro con un tiro da 3, spiegando che in accademia aveva giocato a basket. C’erano tutte le giocatrici, anche una della squadra giovanile, la De Florio. Tutte le ragazze e l’allenatore Ricchini portavano il nastro giallo per solidarietà ai marò detenuti in India. Il ponte di volo della nave ammiraglia è stato quindi l’eccezionale campo di gioco, dove è avvenuto l’incontro tra le neovincitrici della seconda Coppa Italia del club rossoblu, guidate dal coach-cittì della Nazionale Roberto Ricchini, ed una rappresentativa di basket femminile della Marina Militare, guidata dal Tenente di Vascello Fabio Dal Cin, addetto all’attività sportiva della Squadra Navale della Marina Militare. Dopo la partita, spazio al ‘gemellaggio’ istituzionale tra la realtà militare e quella sportiva, rappresentata oltre che dalla squadra, dall’entourage tecnico-societario, coi massimi rappresentanti dirigenziali Angelo Basile e Cosimo D’Antona. A fare gli onori di casa, sulla Nave “Garibaldi”, che dall’1 giugno al 29 luglio scorsi è stata sede del Comando delle operazioni aereonavali della Nato per la gestione della crisi libica, il vice Comandante delle forze d’Altura e Comandante del Gruppo Navale italiano, Contrammiraglio Enrico Credendino; ed il Comandante della Portaerei Giuseppe Garibaldi, Capitano di Vascello Walter Zap-pellini. C’è stato uno scambio di doni: il comando della Garibaldi ha consegnato cappellini della nave e stemmi alle ragazze della squadra del Cras, mentre il club cestistico ha regalato magliette e palloni auto-grafati, oltre ad alcuni gagliardetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche