05 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Agosto 2021 alle 11:32:38

Archivio Sport

Non solo campo. Giorni cruciali anche in “aula”

TARANTO – Non passa soltanto dal campo il futuro del Taranto. La partita, infatti, si gioca anche fuori dal rettangolo verde, nelle aule dei tribunali, sportivi ed amministrativi. La prossima settimana sarà intensissima, prima di tutto perchè domenica 20 maggio andrà in scena il primo atto degli spareggi, con la semifinale d’andata tra Pro Vercelli e Taranto. Prima, però, si attendono altri verdetti. Già nella giornata di lunedì si dovrebbe sapere quando saranno giudicati gli ultimi ricorsi presentati al Tnas, il tribunale nazionale di arbitrato sportivo.

Tra questi anche quello del Taranto: la Lega dovrebbe decidere prima del 20. Se non sarà prevista una decisione prima dei playoff, il Barletta – altra ricorrente, inserita però nel girone B – potrebbe chiedere uno slittamento degli spareggi. Da parte sua, inoltre, l’avvocato Nicola Russo, coordinatore del comitato Taranto Futura, ha ufficialmente inoltrato il ricorso contro la promozione della Ternana, che ha chiuso il campionato al primo posto in ragione delle penalizzazioni inflitte ai rossoblu per il caso stipendi, senza le quali gli ionici sarebbero primi sul campo e, quindi, già in serie B. Decisione prevista prima del giorno 20. Chi sta già facendo la sua partita è il ‘popolo tifoso’: c’è fibrillazione per le gare che decideranno le sorti di questa lunghissima, tribolata ed intensa stagione vissuta dagli uomini di mister Davide Dionigi. Sabato saranno in vendita i seicento biglietti a disposizione dei supporters rossoblu per la gara di Vercelli. Questi i prezzi, validi per entrambe le gare: curve 16 euro, gradinata 18 euro, tribune laterali 25 euro, tribuna centrale 40 euro. I prezzi comprendono i diritti di prevendita; il circuito per la distribuzione dei tagliandi per la semifinale d’andata è quello Best Union. L’impianto piemontese può contenere un massimo di 3.100 spettatori, ed è facile prevedere il tutto esaurito.

Giovanni Di Meo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche