Archivio Sport

Le scuse: “Anche io vittima della burla”


TARANTO,

TARANTO – Si è rivolto ad un avvocato, il penalista Fausto Soggia, ed alla sua penna ha affidato quella che è una vera e propria lettera di scuse. Destinatario, l’avvocato Nicola Russo, e con lui tutti i tifosi che avevano creduto ad un sogno troppo bello per essere vero: la promozione in B, grazie alla cancellazione del -6 in classifica da parte dei giudici del tar. “L’autore della fuorviante comunicazione agli organi di stampa dell’esito positivo del ricorso proposto Tuo tramite innanzi il Tar del Lazio, Ti trasmette mio tramite il proprio sentimento di sincero rammarico e si scusa con Te, con gli altri interessati nonchè con la tifoseria tarantina, per le conseguenze della propria condotta obiettivamente leggera e superficiale”.

Così scrive Soggia a Russo. “Purtroppo il mio assistito è stato ingenuamente tratto in inganno da chi aveva predisposto la beffa, facendo leva sulla sua buona fede e sul suo sincero entusiasmo di tifoso del Taranto” si legge ancora nella lettera (a destra). “A titolo di parziale riparazione e quale dimostrazione della propria sincerità, Ti chiede inoltre di accettare un contributo per le spese processuali da sostenere per il prosieguo del ricorso da Te proposto nell’interesse del Taranto”. Ricorso che, come è noto, è destinato a sbarcare al Consiglio di Stato dopo che il tribunale amministrativo regionale ha bocciato l’iniziativa di Taranto Futura, Tarantovola.it e di Valentino Gennarini. A firmare il nuovo ricorso davanti ai giudici amministrativi di secondo grado c’è anche stavolta il presidente dell’As Taranto Calcio, Enzo D’Addario. Un cambio di rotta, dopo che inizialmente il numero uno del sodalizio di via Martellotta aveva deciso di non seguire la strada tracciata da Russo. Una storia che non è ancora finita, dopo il colpo di scena della notizia dell’accoglimento del ricorso poi rivelatasi una clamorosa e davvero terribile beffa per i supporters ionici, scesi in piazza per festeggiare una promozione che in realtà non c’era.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche