Archivio Sport

Forse è Giove il mister X del Taranto


TARANTO – Chi è ‘mister X’, l’uomo al quale l’amministrazione comunale pensa per far ripartire il calcio tarantino? Forse è Massimo Giove. Dalla ridda di voci degli ultimi giorni emerge, più forte, quella che vuole l’imprenditore metalmeccanico tarantino vicinissimo al ritorno in sella come presidente del Taranto, carica già ricoperta nell’era pieroniana prima della grande lite con il ‘patron’. Un incontro, che potrebbe rivelarsi decisivo, è atteso per le prossime ore. “Di incontri ce ne sono tanti, ogni giorno. Stiamo lavorando alacremente. Di certo non siamo immobili” spiega, sibillino, Gianni Cataldino, ex vicesindaco al quale il riconfermato primo cittadino Ippazio Stefàno ha affidato il compito di seguire il caso calcio.

Proprio nei suoi confronti era arrivata una bacchettata dai tifosi della Fondazione Taras. “A una settimana esatta dall’incontro tra l’Aps Fondazione Taras 706 a.C. e il sig. Gianni Cataldino, incaricato dal sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, della gestione della crisi del calcio tarantino, nessun passo in avanti è stato compiuto. La Fondazione Taras intende stigmatizzare l’immobilismo dell’Amministrazione comunale, che non sembra avere contezza della precarietà della situazione e dell’esiguo margine di tempo per salvare il calcio a Taranto”. Oggi arriva la replica di Cataldino. Per provare ad avere un futuro, quindi, il calcio tarantino guarda al passato. Del resto, tutti i nomi usciti sinora hanno a che fare con un Taranto precedente a quello a guida D’Addario, che ha finito la sua corsa con la sfortunata semfinale playoff con la Pro Vercelli. Anche Emanuele Papalia e Gigi Blasi hanno ricoperto la carica di presidenti. Chi non ci sarà, nel futuro del calcio rossoblu, sarà la Platinum Invests. La compagnia spagnola, dopo i tentativi con Foggia e Taranto, sarebbe riuscita ad entrare nel mondo del calcio acquisendo una partecipazione di maggioranza nel Mantova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche