14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 15:33:27

Archivio Sport

Parla il mister: “Sono pronto per lo Iacovone”


TARANTO – E’ molto soddisfatto Tommaso Napoli quando parla dei ‘suoi’ ragazzi, ancora in fase di osservazione, che si allenano in questi giorni allo Iacovone. Traspare dalle sue parole il desiderio, la volontà di individuare quelle personalità che potranno fare la sua squadra; ma traspare anche l’attenzione che presta nella valutazione, soprattutto dei giocatori più giovani, tarantini e non, comunque carichi di speranze e di aspettative. Lui, Tommaso Napoli, allenatore del Taranto Football Club 1927 dal 18 agosto, non vuole sbagliare, perché sa bene che la valutazione è questione delicata e difficile. “Certo – afferma Napoli – ci sono quelle personalità che le vedi, le valuti e sai che con il pallone ci sanno fare. Ma ci sono tanti ragazzi che hanno grandi, anzi, grandissime potenzialità, ma non sanno di possederle o hanno timore di mostrarsi.

Il nostro handicap è stato il tempo, si, il poco tempo a disposizione. Anche il ritiro che dovrebbe di media durare 20-22 giorni per noi è durato molto meno. Non posso indugiare, certo, ma nella valutazione devo pur considerare molti aspetti, da quello fisico-atletico a quello tattico e caratteriale. Ci sono ragazzi pronti e ragazzi che vanno presi per mano, ma che semmai possono dare grandi soddisfazioni in seno alla squadra”. “Non mi piace fare riferimento a questo o a quel giocatore, – ha continuato Napoli – direi che ho sicuramente individuato già ragazzi con grande personalità, uno di questi è Catalano, ma è chiaro che il lavoro è solo all’inizio e deve continuare”. “In merito alla questione portiere, confermo la competenza e bravura di Maraglino, ma la questione della scelta deve essere funzionale al sistema. Maraglino si allena con noi, sta con noi, ma è anche a conoscenza del pensiero che ho in merito alla composizione strategica della rosa che, in linea di principio, vorrei fosse composta da 13/14 Under e 10/11 Over. Sarebbe semplice per noi optare per un maggior numero di Over, sappiamo bene che ci sono ottimi giocatori ancora disponibili, ma abbiamo necessità di mettere su un parco calciatori giovani ed io voglio lavorare per questo”. “Il prossimo impegno con il Gladiator – prosegue Napoli – ci vedrà ancora più determinati, abbiamo necessità di fare bene anche in considerazione dell’accaduto e della vicenda Prosperi, molto pesante in questa fase di avvio della squadra, perché per me Prosperi rappresenta un uomo di grande importanza nell’economia della formazione. Tuttavia abbiamo altre risorse che sono sicuro potranno fare bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche