18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Archivio Sport

Taranto, è già tempo d’esami: a Trani per “riprendersi” tre punti


TARANTO – Turno infrasettimanale. Solo che Champions’ League ed affini sono lontane: domani, mercoledì, i rossoblu saranno impegnati a Trani per il recupero della prima giornata di campionato, sospesa al novantesimo minuto per il malore dell’arbitro. Una beffa, per i rossoblu di mister Napoli che stavano conducendo in porto una vittoria insperata alla vigilia, resa ancora più amara dall’espulsione di Prosperi con conseguente squalifica di addirittura tre giornate. Il capitano domani non ci sarà, come è successo domenica in casa allo Iacovone con il Gladiator, gara finita 0-3 per la formazione di Santa Maria Capua Vetere. La gara di mercoledì dovrà chiarire se il Taranto è quello visto a Trani o all’ex Salinella; un dubbio che sta tormentando società e tifosi.

A proposito: come recita una nota della società, “il Taranto Football Club 1927 vista la grande richiesta da parte della tifoseria in merito alla vendita degli abbonamenti ha prorogato il termine per poterli sottoscrivere. L’acquisto potrà avvenire, come già comunicato, presso i punti vendita indicati sul sito internet della Booking Show”. La stessa società informa che i biglietti saranno disponibili domani al botteghino dello stadio di Trani; “non sarà possibile riutilizzare i biglietti acquistati in occasione del match di domenica 2 settembre, per tanto sarà necessario l’acquisto di un nuovo biglietto”. Tornando a Taranto-Gladiator, Vincenzo Cosa ha detto nel post gara di aspettarsi “una prima migliore davanti ai nostri tifosi. Merito al Gladiator, che è venuto qui a fare la propria partita. Sapevamo che sarebbe stato un avversario difficile da affrontare. Noi, però, siamo andati molto bene nei primi venticinque minuti, eravamo in palla e abbiamo anche colpito una traversa e segnato un gol, poi annullatoci. Dall’altra parte c’era un giocatore come Manzo che, inutile nasconderlo, ci ha messo in grossa difficoltà”. Al vantaggio dei campani la squadra non ha saputo reagire: “Sarà stata una questione di energia mentale e fisica che è venuta a mancare. Ma ci stiamo lavorando. Abbiamo dato tutto, anche se lo abbiamo fatto in maniera disordinata. Non vuole essere un’attenuante, ma due gol su tre erano evitabili e li abbiamo subiti su palla inattiva. Io credo che se non avessimo subito il primo gol su punizione e fossimo andati al riposo sullo 0-0 ce la saremmo giocata”. In sequenza, adesso, ci sono il recupero di Trani e la sfida interna con il Foggia (vietata ai supporters dauni): “Quella di mercoledì era una partita che non ci voleva, visto che siamo partiti in ritardo. Non vuole essere una scusante, comunque. I ragazzi in campo hanno dato il massimo, anche se abbiamo perso. Invito tutti a essere vicini a questa squadra e soprattutto ai più giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche