05 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2021 alle 11:58:00

Archivio Sport

Parla Tambone: “La squadra ha bisogno di tempo”


TARANTO – “Dopo poco più di un mese, non si può pretendere nulla da una squadra che ha bisogno di tempo per esprimere tutte le sue potenzialità”. Il consulente di mercato del Taranto Football Club, Giuseppe Tambone, prova a gettare acqua sul fuoco della crisi rossoblu. Proprio le scelte di Tambone sono al centro del dibattito sulla difficile situazione della squadra ionica, che nelle prime cinque giornate del campionato di serie D ha raggranellato una cosa come quattro punti. Una media da retrocessione. “Non si può ottenere in un mese quello che le altre squadre hanno ottenuto in tre mesi.

Quaranta giorni fa a Taranto, calcisticamente parlando, non c’era nulla” è la ‘linea difensiva’ di Tambone, uomo giudicato vicino ad Ermanno Pieroni come Giovanni Spinelli, anche lui consulente, responsabile dell’area tecnica per la precisione, che avrebbe interrotto la collaborazione con il Taranto FC 1927. Resta al momento in standby la posizione del tecnico, Tommaso Napoli. “Discutiamo anche delle questioni tecniche, la squadra non ‘rende’ in campo, ma vogliamo evitare mosse affrettate” ha spiegato il presidente Elisabetta Zelatore. La sensazione è che, comunque, si sia davvero ai titoli di coda nella storia tra il giovane allenatore palermitano, che pure la scorsa stagione a Cosenza – sempre in serie D – aveva fatto molto bene, ed il nuovo Taranto che sta avendo difficoltà enormi in questo scorcio di stagione. Non è trascurabile il fatto che, in caso di esonero, Napoli avrebbe comunque il diritto ad essere pagato, insieme ad un altro allenatore (un tarantino, fosse pure d’adozione?) da mettere a questo punto a libro paga, e che la strada delle dimissioni del trainer siciliano appare poco percorribile, per adesso. C’è poi il discorso squadra. Gli ‘anziani’ hanno un peso, nello spogliatoio, e resta da capire quale potrebbe essere la loro reazione ad un allontanamento di Napoli. Le grandi manovre, in casa Taranto, sono in corso. Per evitare che la nave vada a schiantarsi sugli scogli, va invertita la rotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche