Archivio Sport

Esordio senza tifosi per Pettinicchio sul campo di Battipaglia


TARANTO – Trasferta vietata. A sorpresa. E con polemiche. Arriva di buon mattino la notizia del divieto di ‘viaggio’ per i tifosi rossoblu a Battipaglia, dove domenica farà il suo esordio il nuovo allenatore del Taranto Giacomo Pettinicchio. Lo stop del Casms ha fatto irritare, e non poco, i supporters già pronti a mettersi in auto per la ‘prima’ del nuovo tecnico, chiamato al compito non facile di raddrizzare una barca che con Tommaso Napoli nelle vesti di timoniere s’è incagliata nelle secche della bassa classifica. Oltre che al calore dei tifosi, l’ex mister della Berretti dello scorso anno rischia di dover rinunciare anche all’attaccante Vincenzo Cosa, non al meglio.

“Ringrazio il presidente Zelatore per avermi scelto, allenare il Taranto è un sogno per tutti i tarantini. Andrò a sedermi su una panchina che pesa tantissimo, ma non ho paura. Al contrario, sono pronto a tutto pur di restituire dignità alla maglia rossoblu” le prime parole del neo-tecnico, pronunciate ieri pomeriggio, dopo l’allenamento. “Dobbiamo risalire la classifica ponendo le basi per il futuro. Non abbiamo altra via se non quella del lavoro. E ne abbiamo davvero tanto da svolgere. Taranto è una piazza difficile, dobbiamo essere bravi a non soffrire le pressioni. Essere qui deve rappresentare una sfida da vincere per tutti”. Il modulo di riferimento dell’allenatore tarantino dovrebbe essere il 3-4-3; una trasferta insidiosa come quella in Campania non è esattamente un esordio soft, ma Pettinicchio prova a spargere fiducia. “Il morale non è alto, ma la fiducia e la voglia non ci devono mancare mai, solo così potremo tirarci fuori da questa situazione. Ai ragazzi ho chiesto soprattutto un po’ di equilibrio”. “Quella di Pettinicchio è una scelta all’insegna della tarantinità” ha spiegato Elisabetta Zelatore. Resta il nodo-Pieroni: dalla società fanno trasparire la voglia di allentare il legame con l’ex patron, che però tramite Tambone rimane di fatto alla guida dall’area tecnica. Il mancato arrivo di Maiuri, inconciliabile ed incompatibile con Pieroni, ha riportato al centro dei riflettori il ‘peso’ che il manager jesino ha sul Taranto Fc. Un fronte aperto, nel non facile momento vissuto dal calcio ionico.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche