02 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 01 Dicembre 2021 alle 20:15:00

Archivio Sport

Pettinicchio esulta: “Sì, Mignona è l’uomo del destino”


TARANTO – “Abbiamo iniziato la stagione con una squadra da campionato nazionale allievi… poi, è arrivato Mignogna. Un risultato così è la giusta dose di morale per continuare a costruire una squadra competitiva. Sì, credo che abbiamo imboccato la direzione giusta”. Stanco, ma sorridente come non lo si era mai visto. Giacomo Pettinicchio parla del suo Taranto, e non può che essere soddisfatto di una domenica da leoni. Sotto dopo tre minuti, su un campo non facile come il Franco Fanuzzi di Brindisi, i rossoblu nel secondo tempo hanno prima pareggiato al 37’ con una rete splendida, da serie superiore, di Fumai, per poi andare a vincere, a 2’ dal termine, con Ciccio Mignogna, pulsanese, già capitano del Taranto, alla prima gara dopo il suo ritorno a casa ed ex calciatore del Brindisi.

La partita perfetta, per lui e per la squadra. “Siamo stati sorpresi, ma abbiamo saputo reagire. L’arrivo di un giocatore del livello di Mignogna, e questa vittoria, danno fiducia e morale. Ho detto ai miei ragazzi di cercare l’uno contro uno con gli avversari, ed abbiamo avuto la meglio”. Così il trainer tarantino. Nero, invece, l’umore di Mino Francioso, mister brindisino. “C’è da lavorare, dentro e fuori dal campo. Ho già riferito alla società quali sono i limiti di questa squadra; purtroppo, il materiale a disposizione è questo. Bisogna prendere dei provvedimenti. Abbiamo creato tanto, ma allo stesso tempo abbiamo concluso poco. Se arriviamo dieci volte davanti alla porta e non segniamo nemmeno una volta non è colpa del tecnico. Io lavoro sul campo durante la settimana, ma la domenica giocano i calciatori. Fusco? E’ stato fuori per scelta tecnica. Ci voleva gente più rapida in questa partita. Il nostro è stato un buon primo tempo, rischiando addirittura di segnare il secondo ed il terzo gol. Nella ripresa siamo scesi in campo con la giusta mentalità, ma due errori ci hanno castigato. Le espulsioni (il Brindisi ha finito in nove uomini, ndr)? Inutili, e indicano un certo nervosismo in squadra”. La vittoria del Grottaglie, prima in campionato, con il Trani e il successo in Lega Pro del Martina completano la buona domenica del nostro calcio.

Giovanni Di Meo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche