05 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 06:54:46

Archivio Sport

Molinari, il bomber si prepara alla nuova vita in rossoblu


TARANTO – Sicuro di sè, voglioso di giocare, cosciente che, pure in sere D, Taranto è piazza esigente, ma che può dare tantissimo. Hernan Molinari, attaccante, argentino di La Plata, è il nuovo attaccante del Taranto. Si presenta così. “Mi piace giocare vicino alla porta, dare una mano alla squadra e cercare di concludere a rete il più possibile. Spero di poter ripagare la fiducia che mi è stata accordata. Sento che posso dare tanto a questo Taranto, una squadra in crescita che non può che migliorare da qui alla fine del torneo. Salvatore Papa ha segnalato il mio nome al direttore generale, Domenico Pellegrini. Ci è voluto un po’ per intavolare la trattativa. Il presidente mi ha chiesto solo di segnare tanti gol e farò tutto ciò che è nelle mie possibilità per ripagare la fiducia di società e ambiente”.

Le attese sono tante, per chi è stato soprannominato il ‘Milito della serie D’. “So che la gente si aspetta tanto e non devo far altro che il mio mestiere: mettere la palla in porta. L’importante, però, è che la squadra vinca. Anche quando indossavo la maglia dell’Amitermina avvertivo il senso della responsabilità. Esordio domenica? Non so se giocherò dall’inizio, ma me lo auguro. Ho tanta voglia di scendere in campo e spero di essere sempre nelle condizioni migliori per poter dare il 110 per cento per aiutare la squadra”. Nel suo passato anche una delle squadra più prestigiose del Sudamerica: “All’Estudiantes giocavo con la prima squadra, ma la situazione economica in Argentina non era il massimo e così ho deciso di realizzare il mio sogno: giocare in Italia. E’ vero, ho militato solo in serie D, ma non ho alcun tipo di rimpianto. Spero di prendermi delle belle soddisfazioni con la maglia del Taranto. La storia con l’Amitermina è finita nel peggiore dei modi perchè sono stato trattato male: sono finito fuori rosa per motivi disciplinari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche