27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 23:04:00

Archivio Sport

Iacovone, strada in discesa. A gennaio firma sull’accordo


TARANTO – Strada in discesa. La vicenda Iacovone va sempre più delineandosi come una sorta di grande bluff da parte dell’amministrazione comunale. Il primo consiglio del nuovo anno sancirà l’ok alla delibera che riduce drasticamente le pretese di Palazzo di Città. L’ente civico era arrivato a minacciare lo sfratto – tramite l’ing. Di Bari – ma si è autosmentito in brevissimo tempo. Il canone richiesto al Taranto Fc passa da 6.000 a 1.500 euro al mese, con gli arretrati che verranno dilazionati nell’ambito di un accordo triennale.

L’intesa è stata raggiunta dal sindaco Stefàno e dal presidente del Taranto Zelatore. Libero, o quasi, dell’assilo dello stadio, lo staff ionico è chiamato a concentrarsi esclusivamente sul ‘fattore tecnico’: al giro di boa il Taranto è quart’ultimo in classifica, dopo metà campionato il bilancio è di 18 punti in 17 partite. La sconfitta con l’Ischia è in terzo risultato negativo nelle ultime quattro uscite. Ieri, giovedì, si sono tornati ad allenare Vicedomini, Brancato e Biondo, a parte come Fumai e il portierino Costantino. Influenza per Fonzino, Stigliano e Catalano, Molinari è ancora nella sua Argentina da dove tornerà il 2 dicembre; giorno 6 si torna a giocare allo Iacovone, con il Trani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche