19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

Archivio Sport

Dai gemelli del gol ai tre tenori: come è cambiato il Taranto


 

Erano i gemelli del gol, vecchi combattenti dell’area di rigore ai quali assegnare il compito di guidare la ricostruzione del calcio tarantino. Un girone dopo, di Enzo Cosa e Cosimo Sarli, numero 9 e 10 del Taranto che vinse a Trani, resta solo un pallido ricordo in riva allo Ionio.

 

Pallido e neppure positivo, in realtà. Domani allo Iacovone prima partita del 2013 e del girone di ritorno, alla quale i rossoblu si presenteranno con un volto drasticamente diverso rispetto a quello mostrato in occasione della sfida d’andata.

L’avversario è la Fortis Trani, che pure ha cambiato tanto, ma pur sempre meno rispetto agli ionici. In panchina non c’è più Tommaso Napoli, sostituito da Giacomo Pettinicchio. Quelli che dovevano essere i gemelli del gol, che pure furono decisivi in terra tranese, hanno lasciato il posto ai “tre tenori”, come s’è provato a ribattezzare Molinari, Mignogna e Fumai, mentre si attende il debutto del baby bomber Gatto, sul quale si vuole costruire una squadra che deve uscire dalla secche delle bassa classifica e che nella prima metà del campionato ha raccolto 18 punti in 17 partite.

 

Il Taranto non può prescindere dai tre punti, domani allo Iacovone: per questo mister Giacomo Pettinicchio getterà nella mischia una formazione a trazione anteriore, chiamata a premere forte sull’acceleratore per una vittoria che segni, con il nuovo anno, anche un nuovo corso per il football ionico. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche