05 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Agosto 2021 alle 06:19:06

Archivio Sport

Ecco Corona. Il ritorno del Re


 

Un successo senza precedenti il sondaggio lanciato sulla pagina ufficiale Facebook Lnd riguardo al miglior calciatore del girone d’andata del Campionato Serie D.

 

60.000 utenti hanno visto il post, più di 6.000 sono stati i voti che hanno segnalato oltre 100 giocatori, il tutto in sole 96 ore. Giorgio Corona, per i sostenitori del Messina semplicemente Re Giorgio, è uno di quei giocatori amati visceralmente dai tifosi e il sondaggio sulla pagina ufficiale Facebook Lnd ne ha decretato la grandezza. Quasi un migliaio di utenti ha espresso la preferenza per un bomber che ha segnato più di 200 gol in tutte le categorie, spesso e volentieri reti di pregevole fattura. E questo girone d’andata ne ha decretato la “grandezza”, con la maglia del Messina nelle 17 gare del girone I Re Giorgio ha segnato nove gol, quasi tutti timbri pesanti che hanno spinto la squadra peloritana in cima alla classifica.

“Ringrazio tutti quelli che mi hanno votato” sorride Corona. “I tifosi continuano a stupirmi, il loro sostegno mi da una carica incredibile, la gente di Messina poi è speciale per calore e attaccamento alla squadra”. Eppure dal voto si è capito che l’apprezzamento è stato trasversale, sembra che Corona abbia lasciato un bel ricordo in ogni squadra in cui ha giocato: “La vita come il calcio li prendo sempre di petto, dovunque sono stato ho creato sempre un bel rapporto con la tifoseria, forse perché sono una persona schietta e sincera, do tutto quello che ho in campo con l’entusiasmo di un ragazzino”.

 

Un giocatore simbolo di un certo modo d’intendere il calcio, valori antichi esaltati da un mezzo moderno come Facebook, a volte gli opposti si attraggono: “Ammetto che non uso le nuove tecnologie, è più mia moglie a dirmi quello che succede sul web cosiddetto 2.0. Sono un ragazzo semplice, ho fatto tutta la gavetta partendo dalle serie inferiori, nei primi tempi giocavo e lavoravo senza lamentarmi perché so di essere fortunato rispetto a tutta la gente che fa enormi sacrifici quotidiani”.

 

Il bello delle scelte degli utenti di Facebook è la trasversalità, un grande bomber come Giorgio è stato votato poco più di Andrea Bosco, un giovane che si sta affacciando sul palcoscenico nazionale: “Sono contento che i tifosi abbiano un occhio di riguardo per i giovani, bisogna aiutarli perché sono il futuro del calcio – dice convinto Corona. “A me piace consigliare un compagno più giovane sia in campo che nelle scelte fuori dal terreno di gioco. Una squadra può essere come una famiglia, si può essere professionali pur essendo amici, più il gruppo è compatto e in sintonia e più è probabile che si raggiungano obiettivi importanti”.

 

L’ex centravanti rossoblu, quindi, resta sulla cresta dell’onda e si somma ai tanti che, dopo una parentesi tra alti e bassi, se non addirittura deludente, a Taranto, una volta ‘emigrati’ altrove hanno trovato gloria. Giocano in serie B da protagonisti Adriano Mezavilla e Nunzio Di Roberto, ha ritrovato smalto il discontinuo Francesco Scarpa, è tornato al gol e sta segnando con continuità – per arrivare ai tempi recentissimi – pure quel Cosimo Sarli che è stata forse la delusione più grande del primo scorcio di stagione del Taranto Football Club 1927.

 

Andrea Bosco del Ctl Campania, lo stesso girone del Taranto, è invece il miglior giocatore under. “Mi ha chiamato un mio amico e mi ha detto che il mio nome stava scalando la classifica di gradimento in maniera impressionante. Son caduto dalle nuvole, proprio io in vetta tra tanti fuoriclasse, ancora non ci credo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche