28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 17:57:00

Archivio Sport

Taranto Fc 1927. Oggi il cda, scocca l’ora della verità


TARANTO – Che succede nel Taranto? Lo si saprà dopo il consiglio d’amministrazione del Taranto Fc, chiacchieratissimo dopo il rinvio di lunedì e il confronto-scontro, a suon di comunicati stampa, tra Fondazione Taras e Elisabetta Zelatore, presidente (sino a quando?) del sodalizio rossoblu. “Il Consiglio d’Amministrazione del Taranto F.C. 1927, convocato per questa mattina (lunedì, ndr), non si è tenuto a causa dell’assenza improvvisa e non preannunciata del suo presidente, Elisabetta Zelatore. Lo stesso Consiglio d’Amministrazione, preso atto della necessità di affrontare questioni rilevanti per una serena conduzione societaria, ha deciso di riconvocare una riunione con massima urgenza per mercoledì 23 gennaio.

In attesa di quell’incontro, i cui esiti la Fondazione Taras 706 a.C. si impegna a pubblicizzare in modo adeguato ed ampio, si avverte la necessità di richiamare tutti i soci ad un senso di responsabilità verso i tifosi e verso la città, al fine di permettere un prosieguo di stagione sereno, che consenta di raggiungere i risultati sportivi prefissati”. Così la Fondazione. “Ho tempestivamente e formalmente informato tutti i componenti del cda della mia imprevista impossibilità a partecipare alla riunione da me medesima convocata” la replica. “Delle due l’una: o è una tempesta in un bicchiere d’acqua, o dietro tale accelerazione polemica c’è qualcosa che mi sfugge o che forse ho colto bene (sfiducia pilotata al presidente per riformulare nuove cariche?). Da parte mia in questi cinque mesi di intensa attività tesa a costruire una società sportiva nata nel nulla e dal nulla, l’unico intento che mi ha sostenuto è stato quello di concorrere con altri soggetti a conservare il calcio a Taranto e successivamente a consentire la permanenza della squadra nel campionato di Serie D per poter poi programmare campionati consoni alle aspettative della città e di tutta la sua gente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche