28 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Ottobre 2020 alle 19:53:45

Archivio Sport

Il fair-play della Errani: “Con Roby mai un match normale”


Finisce il sogno di Roberta Vinci. Sara Errani battendo per la quinta volta in sette sfide l’amica e compagna di doppio si è qualificata alla finale del torneo di Dubai: doppio 6-3 il risultato in favore di Sara.

La semifinale, in realtà, non è stata bellissima dal punto di vista tecnico, come del resto nel settembre scorso negli storici quarti tutti azzurri degli US Open (anche in quel caso vinse Sara), ma c’era da aspettarselo. Un po’ per l’importanza della posta in palio, un po’ perché sia per la romagnola che per la tarantina trovarsi di fronte un’amica con la quale ci si allena, si gioca il doppio e si condividono viaggi e spostamenti in giro per il mondo, non è facile dal punto di vista mentale.

“E’ sempre molto difficile affrontare un’amica, figuriamoci contro Roberta. Abbiamo provato a giocare un match normale, ma è davvero complicato”. Così la Errani. Roberta non è riuscita ad uscire dalla ragnatela di scambi da fondo campo di Sara ed a prendere più spesso la rete.

La Errani è partita meglio salendo sul 3-1 e poi sul 5-2. E’ andata a servire per il set, ma la Vinci le ha strappato il turno di battuta per poi cederlo subito dopo con due rovesci fuori misura. Nella seconda partita break in apertura di Roberta, che però ha poi avuto un passaggio a vuoto che ha consentito a Sara di prendere decisamente il largo: quattro game di fila della romagnola e 4-1. La tarantina ha però reagito e ha recuperato il break di svantaggio portandosi sul 3-4, ma ha poi ceduto ancora il servizio a zero: straordinario il punto del game messo a segno dalla Errani, che ha recuperato una perfetta smorzata dell’avversaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche