Archivio Sport

Non solo Pettinicchio, il futuro è già iniziato


Missione futuro. E’ quella che ieri sera s’è dato il Taranto, con una importante riunione del consiglio d’amministrazione.

Un passaggio societario significativo proprio nell’ottica della prossima stagione, visto che quella in corso ha di fatto già dato il suo verdetto – la salvezza. Ancora in serie D, quindi, ma stavolta con velleità di vertice, come si fa sapere dal club presieduto da Fabrizio Nardoni.

Ieri non è arrivata la conferma ufficiale della permanenza in panchina di Giacomo Pettinicchio, ma difficilmente ci sarà divorzio: l’orientamento è quello di dare una chance al trainer tarantino, che quest’anno si è seduto in corso d’opera sulla panchina da lui più desiderata, dopo l’inizio di stagione deludente di mister Napoli e di quegli uomini (Cosa, Sarli) voluti da Ermanno Pieroni, di fatto vero demiurgo – sotto le vesti del ‘consulente’ Tambone – di un Taranto che è poi cambiato radicalmente nel corso di un anno complesso come pochi altri.

Il primo obiettivo è quello di costruire in estate l’assetto definitivo della squadra. Cruciale la scelta degli under, è la regola d’oro della serie D: il Taranto ha deciso di puntare tutto su Domenico Pellegrini, il dg che non ha lasciato, dopo le dimissioni bluff della lite con la Zelatore, ed ora raddoppia. A lui onori ed oneri di disegnare il Taranto che verrà, dimostrando di essere migliore di chi l’ha preceduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche