Archivio Sport

Basket femminile in crisi, Basile ora lascia


La notizia piomba nelle redazioni di buon mattino. Ed è uno choc per lo sport tarantino, perchè davvero si chiude un’epoca. La più vincente.

“Dopo dieci anni di sostegno finanziario ed impegno lavorativo alla causa del Cras Basket Taranto, ho deciso di fare un passo indietro come presidente della società di A1 di basket femminile. I molteplici impegni legati alla mia attività lavorativa non mi permettono di andare avanti nel sostegno umano ad una società sportiva che ha visto il sottoscritto, lo staff tecnico-dirigenziale e le atlete, protagonisti di un’era emozionante e vincente, come testimoniano tre scudetti, una Coppa Italia, due Super coppe italiane, una finale di Europe Cup ed il record, per Taranto, dei quarti dell’Eurolega. Oggi lascio ufficialmente la mia carica di presidente in seno al Cras, mettendola a disposizione di un eventuale nuovo ingresso, che potrà contare su un’équipe dirigenziale ed un pacchetto di sponsor, che sarebbe pronto a confermare l’investimento economico-commerciale onorato nella passata stagione. L’auspicio è che la società che sino ad oggi sono stato orgoglioso di guidare, possa continuare a regalare emozioni sportive alla città di Taranto”.

La firma in calce è quella di Angelo Basile. Per il Cras, la società che ha portato un territorio mai troppo ‘fortunato’ sportivamente ai vertici nazionale ed internazionali, con una Europe Cup persa davvero per un soffio con il Galatasaray, il futuro oggi appare davvero a rischio. E del resto, già lo scorso anno il presidente Basile e il vice (ed ex numero uno) Mino D’Antona avevano lamentato la ‘solitudine’ con la quale avevano dovuto affrontare gli oneri finanziari, direttamente proporzionali agli onori sportivi.

Fondamentale si è rivelato, per il campionato chiuso da poco, l’aiuto della GoldBet, società austriaca attiva nel settore delle scommesse sportive, in cui un ruolo dirigenziale è quello del tarantino Ugo Cifone. Ora è proprio alla pista austriaca che si guarda, sperando in un futuro per la nostra pallacanestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche