30 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Luglio 2021 alle 06:40:18

Archivio Sport

Cus, questa è la tua notte


Serve la vittoria a tutti i costi al Cus Jonico per tenere aperto il discorso promozione, per continuare a sognare la Dnb. La finale playoff del girone G del campionato Dnc vivrà oggi, giovedì sera, alle 20.30 al PalaMazzola, con ingresso gratuito, il suo secondo atto. Per la Cover Maddaloni gara2 potrebbe essere decisiva; in caso di ulteriore successo per i campani sarebbe festa dopo il 76-64 del primo round al Pala Angioni-Caliendo. Ed lì, nel casertano che Taranto vuole tornare domenica prossima per giocarsi la “bella”, giusta apoteosi di una stagione che già con il raggiungimento della finale playoff ha segnato un momento storico del sodalizio cussino.

Coach Leale lo rimarca a chiare lettere: “Arrivare in Finale è stata una grande gioia ma adesso abbiamo il fattore campo contro e pertanto serve oltre a grande energia fisica moltissima concentrazione, lucidità ed un pizzico di fortuna”. Poche parole su ciò che non è andato come avrebbe dovuto in gara1: “Purtroppo domenica scorsa la squadra si è espressa bene fino a metà terzo quarto, prima del loro break, poi abbiamo perso anche Giuffrè per infortunio ed oltre alla sfortuna ci è mancata la lucidità giusta per recuperare e rimanere in gara. Dall’altra parte il campo si è infuocato e gli avversari si sono ancor più galvanizzati. Abbiamo fatto 64 punti, siamo rimasti dunque di molto al di sotto dei nostri standard, ma ormai è storia chiusa”. Ma su queglii standard da riportare alla “normale consuetudine” Greco e compagni hanno lavorato nelle poche sedute di allenamento di avvicinamento a gara2. Squadra concentrata, giocatori convinti di poter ripetere il successo interno della regular season quando Fanelli (23) e Moliterni (21) misero ko San Michele 83-73. “Due allenamenti prima di gara 2 – sottolinea coach Leale – ci hanno dato la possibilità di confrontarci, all’interno del gruppo, per migliorarci e riflettere su alcune situazioni non andate bene, per il resto siamo prontissimi a buttare il cuore oltre l’ostacolo e si sta provando con tutti i mezzi possibili a recuperare il nostro play”. Ovvio il riferimento ad Alessio Giuffrè, l’anello mancante del secondo tempo di gara2 che sta facendo di tutto per esserci in regia a guidare gli attacchi dei suoi compagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche