21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Giugno 2021 alle 16:41:48

Basket

Fortitudo Martina-Cus Jonico Taranto: 68-55. Sorride solo il Martina

Sfortunata prestazione dei tarantini nel derby


Primo sorriso per Martina, ennesima sforunta per Taranto. In sintesi il derby è questo. La Fortitudo si impone in casa 68-55 su un Cus Jonico vessato ancor di più dagli infortuni. A quelli di Giuffrè e Fanelli in partenza si sono aggiunti in corso di partita quelli di Sarli e Bisanti. Una vera e propria maledizione. Alla Fortitudo basta andare con regolarità a canestro (Cantagalli, Potì, Maritano e Raffaelli in doppia cifra) e reggere la generosa partita di tutti i superstiti cussini a cominciare da Moliterni autore di 21 punti.

Ancora in contumacia Giuffrè e Sarli, coach Leale parte con Salerno, Sarli, Moliterni, Leoncavallo e Pizzo. Fantozzi risponde con Cantagalli, Verri, Potì, Maritano e Danna.

Comincia meglio Martina con Verri, Catagalli e Potì: 9-2 al 5’ e Leale costretto al time out. Dentro subito Valentini a cui il Palawojtyla aveva tributato il giusto applauso prima del match dopo i 4 anni in Valle d’Itria del pivot. Moliterni rompe il digiuno cussino dal campo, Sarli lo imita da tre: la premiata ditta ionica restituisce il break, 7-2, e stavolta e coach Fantozzi a rifugiarsi nel time-out sull’11-9 al 7’. Vignali e Danna spingono avanti Martina, per un attimo a +5, Poi Leoncavallo e Sarli per il 16-13 finale del primo quarto.

Ennesima tegola per il Cus che sull’ultima azione perde anche Sarli, in campo il giovane Bisanti. Martina allunga 20-13 al 12’; Salerno sale in cattedra e firma 5 punti di fila ma è un attimo perché la Fortitudo con Raffaelli torna avanti di 8 al 14’. Bisanti la sua grande occasione con una tripla,  Taranto ha un sussulto con Salerno e Valentini e torna a -3. Prima del riposo un canestro di Maritano manda le squadre negli spogliatoi sul 31-26 per i padroni di casa.

Moliterni fa gli straordinari, 6 punti, Taranto resta in scia 36-32 al 23’. Ma quando Raffaelli e Maritano alzano il ritmo Martina scappa avanti a +11 al 26’ con Di Bello. Leale gioca anche la carta Appeso con Taranto che resta attaccata con le unghie e con i denti alla partita anche grazie ad un altro canestro di Bisanti che fissa il punteggio sul 47-39 Martina alla fine del terzo quarto.

L’ultimo quarto si apre con la tripla, ottavo punto, di Bisanti (per il -5 Cus) che successivamente mette male il piede e si infortuna pure lui. L’arbitro non ferma l’azione, Martina segna, e non viene concesso nemmeno il minuto con il giovane giocatore ionico portato fuori in barella. Con Taranto ridotta ai minimi termini la Fortitudo segna il 58-46 con la doppia tripla di Potì a cui risponde solo in parte Pizzo. La partita la riapre ancora una volta Moliterni con 5 punti in fila per il 58-53 a 4’ dalla fine che costringe Fantozzi a schiarire le idee ai suoi. E ci riesce: Verri, Danna e Cantagalli segnano i punti che di fatto consegnano alla Valle d’Itria Basket il derby e la prima vittoria in campionato. Finisce 68-55 per i martinesi. Il Cus Jonico esce a testa alta dal Palawojtyla ma ancora una volta con le ossa rotte e non in senso figurato.

FORTITUDO MARTINA – CUS JONICO TARANTO 68-55
Valle d’Itria Basket Martina Franca: Di Bello 5, Danna 4, Cantagalli 14, Potì 12, Vignali 2, Maritano 12, Raffaelli 13, Fedele, Verri 6, Friuli ne. All: Fantozzi
Cus Jonico Basket Taranto: Sarli 5, Leoncavallo 4, Pizzo 3, Moliterni 21, Valentini 5, Salerno 10, Appeso, Marzulli ne, Basile ne, Bisanti 7. All: Leale.
Parziali: 16-13, 31-26, 47-39
Arbitri: Biagio Napolitano di Acerra (Na) e Fabio Pagano di Scafati (Sa).
Usciti per falli: -; Note: spettatori 400 circa con cospicua rappresentanza di tifosi da Taranto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche