x

x

Urlo Cus Jonico: prima vittoria del 2014

Con un mese e mezzo di ritardo il Cus Jonico Basket Taranto brinda al nuovo anno e lo fa nel modo più sofferto ma anche più bello.

Una vittoria all’overtime nello scontro diretto-salvezza di Venafro per di più nella settimana amara per lo 0-20 a tavolino, ingiusto, subito nel derby col Martina di una settimana fa. Una vittoria che porta la firma di Sarli, autore di 29 punti, 5/8 da tre punti ma anche di un Salerno e di un Giuffrè decisivi negli ultimi due tempi al pari di Moliterni.

Una vittoria “pesante” perché permette ai rossoblu di lasciare l’ultimo posto al Monteroni, sconfitto con San Severo, e riavvicinare proprio Venafro al terz’ultimo posto.

Leale deve fare i conti con l’ennesimo forfait stagionale. Stavolta tocca a Fanelli restare a Taranto. In quintetto quindi spazio Salerno, Giuffrè, Sarli, Moliterni e Leoncavallo. Coach Mascio risponde con Petrazzuoli, Vergara, Tamburrini, Marinello e Carrichiello.

Grande equilibrio in campo. Moliterni apre le danze da tre; Carrichiello e Petrazzuoli in palla per il 9-5 al 3’. Bene Salerno che segna canestro e libero supplementare, poi Leoncavallo e Sarli per il controsorpasso Cus annullato ancora da Petrazzuoli: dopo 6’ è 13 pari. Fotografia di un primo quarto che prosegue come uno scambio di tennis e si chiude sul 23-24 per Taranto. Petrazzuoli è già in doppia cifra (11) così come Sarli (10).

Taranto esce bene dai blocchi del terzo quarto trascinata da Sarli e Salerno vola sul 46-39 al 23’. Carrichiello e Marinello provano a dare respiro ai molisani ma ci pensa Moliterni ad allungare a +9 con due canestri di fila a cui ne seguirà un terzo in finale di quarto per il 52-45 rossoblu prima dell’ultimo parziale.

Che comincia male per il Cus “bombardato” due volte, da Marinello e Carrichiello, per fortuna c’è il canestro di Salerno a tenere a -3 Venafro a 6’ dalla fine. Ferraro riporta a -1 i suoi ma Giuffrè brucia la retina su assisi di Moliterni. Sarebbe il canestro decisivo ma il Cus si complica la vita sul +3. Il ferro stavolta sputa la tripla del pari di Marinello così come i liberi della tranquillità di Salerno. Nel finale convulso Marinello trova un fallo su tiro da tre a 3 secondi dalla fine. Sui tre liberi la mano non trema e manda tutti all’overtime.
Si ricomincia da 67 e Salerno va subito a segno due volte. La tripla di Giuffrè annulla quella di Petrazzuoli ma Ferraro dimezza il vantaggio cussino, 74-72 a 2 minuti dalla fine. Giuffrè rompe ancora l’equilibrio, subisce fallo e fa 2/2 ai liberi, Leoncavallo segna il +6. Vergara vende cara la pelle di Venafro, canestro e libero aggiuntivo; a chiudere i discorsi, una volta per tutte, ci pensa Moliterni. Ferraro non trova la tripla per riaprire di nuovo la partita, i punti della staffa li mette, dalla lunetta, l’mvp Sarli.

Prima vittoria del 2014, primo successo in trasferta della stagione per un Cus stoico che torna a sorridere in vista del doppio impegno, proibitivo, con Agropoli (al PalaMazzola domenica prossima) e di Scafati nella speranza di qualche buona notizia sul fronte ricorso-derby.