18 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 18:23:13

Calcio

Il giorno più lungo, dopo la sconfitta di Brindisi caos e contestazioni

Il tecnico Maiuri verso la conferma, infuriano le polemiche


Maiuri verso la conferma. Ma il Taranto rischia di diventare una polveriera, con i tifosi contro l’allenatore riconfermato (forse), voci di spogliatoio spaccato e di reazioni a brutto muso, la società chiamata a decidere cosa fare ed i fantasmi di Pettinicchio e Papagni che s’allungano.

Il primo cacciato in estate, non senza polemiche, perchè gli fu preferito proprio Maiuri; il secondo da giorni indicato come possibile successore del tecnico. In mezzo, le voci di mercato che vogliono Mirko Barbagli, classe 1982, difensore centrale svincolato, come puntello per un reparto che appare in disarmo, e due juniores chiamati a sostituire Viscuso e Marchitelli.


Il rischio paventato però è che si tratti di pannicelli caldi, mentre ancora non si sa di cosa stia soffrendo il malato. Due vittorie, due pareggi, due sconfitte (di fila); nove gol fatti e nove subiti. Un bilancio, quello delle prime sei partite del Taranto di Maiuri, che si può prestare a diverse interpretazioni ma che è comunque lontano dalle ambizioni che avevano caratterizzato l’arrivo del trainer milanese sulla panchina ionica.

La doppia contestazione di ieri, prima al Fanuzzi, poi al rientro allo Iacovone, rende pesantissima l’aria attorno non solo all’allenatore, ma alla squadra. Apparsa abulica nella partita che avrebbe dovuto segnarne il rilancio. Il Brindisi ha avuto gioco facile, davanti a 3.000 spettatori di cui 1.000 tarantini, e già nel primo tempo ha messo al sicuro il risultato, per il secondo 0-2 patito da Prosperi e soci dopo quello casalingo contro la Turris. Ovvio quindi che le ‘riflessioni’ avviate nel dopogara dovranno essere approfondite, con il rischio che un errore in questa delicatissima fase possa compromettere tutto quello che si voleva costruire.

E’ il giorno più lungo, quindi, tra telefoni spenti o che squillano a vuoto. A Maiuri potrebbe essere concessa una prova d’appello, in occasione della gara di domenica allo Iacovone con il San Severo. Un’occasione propizia per tornare a vincere, anche in ragione del valore sulla carta non eccelso degli avversari. Ma le incognite sono tante. Forse troppe.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche