x

x

Papagni a caccia del tris

TARANTO – Aldo Papagni si conferma uomo schietto ed asciutto nella sua mentalità figlia della consueta coerenza che da sempre lo contraddistingue.
La sua mente ora è rivolta solo ed esclusivamente al match di domenica contro il Gelbison Cilento, che dovrà a sua volta fare a meno dello squalificato Criscuolo, col chiodo fisso di dare continuità alle due vittorie contro Grottaglie e Gladiator per avvicinarsi alla vetta.
"Partita difficile" ha detto il mister di Bisceglie "visto che i campani sono in forma e l'arrivo di Erra in panchina ha inciso molto in positivo, stanti anche quattro punti centrati contro Matera e Monospolis, quindi dobbiamo sfruttare appieno la nostra intelligenza per appurare a dovere il grado di difficoltà della gara".


Problemi di formazione?
"Viscuso è sicuro assente, credo anche Clemente che sta in fase di recupero ma che dovrebbe rientrare domenica prossima a Matera.
Caiazzo ha svolto lavoro ridotto, mentre Miale e Prosperi hanno recuperato e saranno regolarmente in campo".
Antonio Toma è il nuovo tecnico del Matera, come lo vede?
"Ci vedremo sicuramente lunedì sera al Centenario del Bisceglie, visto che è un ex nerazzurro come me!
Non amo pronuciarmi sul lavoro dei colleghi, so che è molto preparato in fase offensiva ed avendo un parco punte molto ampio sicuramente potrà attingere a dovere.
Ma a me ora interessa solo il lavoro odierno e di domani, viviamo alla giornata".
Caso Nardò, ufficialmente è finita da ieri, campionato falsato?
"Dispiace perchè conosco bene la piazza salentina, ribollente di passione ed entusiasmo, è sicuramente una parentesi dolorosa per il calcio pugliese, ma i tempi sono questi, inutile girarci intorno.
Ne hanno guadagnato in classifica solo la mia Bisceglie ed il Real Metapontino, comunque è andata ed ora guardiamo avanti".
Quattro punti dalla vetta sono recuperabili?
"A me interessa solo la partita di domenica e prepararla nel migliore dei modi, non si vince a parole ma tracciando quotidianamente la strada in modo preciso e concreto.
Sono abituato a fare le cose in maniera strutturata e non a lunga gittata, la vita mi ha insegnato che bisogna sempre essere molto pratici e risoluti".
Il tecnico della capolista Marcianise Foglia Manzillo non ritiene la sua squadra da vertice a differenza del Taranto che invece ritiene una corazzata, che ne pensa?
"Non sto a pensare niente in merito, mi interessa semplicemente il lavoro quotidiano che svolgo sul campo.
Non guardo mai in casa altrui, il Marcianise per ora è primo in classifica e complimenti a loro, dobbiamo solo ed unicamente guardare nel nostro orticello e basta".
Domenica obiettivo terza vittoria consecutiva?
"L'obiettivo principale è allenarsi bene oggi e domani, poi sabato nella seduta di rifinitura valuterò bene la formazione da schierare.
Sono concentrato solo ed unicamente sul lavoro da svolgere quotidianamente, mi interessa esclusivamente questo".
Intanto il centrocampista brasiliano Eduardo Carloto, reduce nei giorni scorsi da una brutale aggressione da parte di due teppisti, sarà ospite questa sera al Bar Cubana in via Acclavio dalle ore 20 del gruppo Tifo&Amicizia.