x

x

Giochi proibiti. Niente Matera per i tifosi del Taranto

TARANTO – Mediazione fallita. Fumata nera da Matera: confermato il divieto di trasferta per i tifosi rossoblù. Il peso di Taranto, verrebbe da dire, si vede anche da queste cose. “Le autorità lucane avevano confermato disponibilità a rivedere il divieto di trasferta per i tifosi tarantini, ma le concomitanti consultazioni elettorali per il rinnovo del Consiglio regionale lucano hanno reso il percorso più difficile a realizzarsi.


Personale impegnato nell’ordine pubblico e nel controllo del territorio sarà assorbito dal servizio da svolgere all’interno e nei pressi dei seggi elettorali, alcuni allocati anche a poca distanza dallo Stadio XXI Settembre” si legge in una nota ufficiale del club, che parla di “buone notizie dopo la lettera del presidente Nardoni e l’incontro con il Prefetto e il Questore di Matera”.

Quello che resta, però, è l’ennesimo divieto ai tarantini di poter seguire la loro squadra del cuore. Dovrebbe essere permesso di seguire Molinari e compagni a Francavilla in Sinni e Metaponto.

Questo viene spacciato come una vittoria, ma resta francamente l’amarezza per una partita, quella di domenica (fondamentale per il campionato) che i ragazzi di Papagni dovranno affontare senza i supporters ionici. Bocciata la possibilità di far giocare Matera-Taranto in una data infrasettimanale. “Abbiamo riaperto la strada del colloquio e del confronto come testimonia anche le telefonate che questa mattina ho ricevuto dai vertici del Ministero dell’Interno e della Lega Pro che questa mattina mi hanno contattato per dimostrare apprezzamento al nostro appello. Un confronto che spero possa allontanare la messa al bando e che finalmente sia in grado di rompere il pregiudizio attorno a una delle tifoserie più belle del mondo”.

A parlare è lo stesso Nardoni. I commenti ai tifosi.