Calcio

Matera-Taranto: 2-1. Ma i rossoblù escono a testa alta

Di Clemente il gol del Taranto


Ci ha provato sino alla fine il Taranto a portar via da Matera almeno un punto. Ma al triplice fischio del direttore di gara si è dovuto arrendere. E' stata comunque una gran bella gara con continui capovolgimenti di fronte che da un lato rilancia le ambizioni del Matera, dall’altro non ridimensiona il nuovo Taranto targato Papagni.

Da una gara così poteva venir fuori qualunque risultato. Ha vinto il Matera, ma il Taranto esce a testa altissima, consapevole di avere ancora ampi margini di miglioramento.

Sulla partita dei rossoblù ha pesato il doppio vantaggio maturato nel primo tempo a favore dei padroni di casa, abili a sfruttare alcune piccole sbavature difensive degli jonici.

Come è capitato sul gol che ha sbloccato il match al 23’ del primo tempo:  Oliveira è abile a infilarsi tra tra il portiere Marani e il difensore Pulci e, dopo un contrasto con Miale, si trova solo davanti alla porta spalancata. Un gioco da ragazzi mettere la firma sull’1-0.

Un vantaggio, inaspettato, che cambia il volto dell’incontro. Il Taranto, infatti, si innervosisce e perde la lucidità in alcuni uomini del pacchetto difensivo . Ed al 37’ del primo tempo il Matera fissa il punteggio sul 2-0 su azione proveniente da tiro piazzato con Pino abile ad anticipare di testa l’uscita di Marani.

Un doppio vantaggio che, però, non spegne le velleità del Taranto.  Nell’intervallo, infatti, Papagni si deve essere fatto sentire. Tanto che il Taranto nella ripresa prova in tutti i modi a riaprire il match.

Ne viene fuori un secondo tempo spettacolare in cui il Taranto sfiora più volte il gol, ma anche i padroni di casa in più di una circostanza si avvicinano al 3-0.

Al quarto d’ora Papagni tenta il tutto per tutto e butta nella mischia anche Clemente. Il Taranto prende coraggio e lo stesso Clemente ripaga l’intuizione del tecnico trasformando in gol un calcio di punizione dal limite.

Il gol dà nuovo vigore al Taranto e costringe il Matera a rinserrare le fila. Ma tutti gli sforzi dei rossoblù finiscono per infrangersi ai 16 metri. E così, il fischio finale dell’arbitro consegna al Matera tre punti importanti. Ma, come detto, il Taranto esce con la consapevolezza di potersela giocare con qualunque avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche