Calcio

Taranto-Marcianise: 3-1. Impresa rossoblù, superata la capolista

Le reti tutte nel secondo tempo. E domenica prossima il Marcianise riposa, il Taranto medita il colpaccio


Doveva essere una partita da ultima spiaggia per il Taranto e, a giudicare dalla prestazione degli uomini di Papagni, qualcosa sembra essere davvero cambiato.

Fermare la corsa della capolista Marcianise era fondamentale per tentare la scalata della classifica.

Superando gli ospiti per 3-1, infatti, il Taranto si è portato a meno 5 in classifica ed ora guarda a domenica prossima quando il Marcianise dovrà osservare un turno di riposto. In caso di secondo successo consecutivo il Taranto si porterebbe a meno 2 ed allora il 2014 avrebbe tutto un altro significato.

La gara di oggi ha detto due cose: la prima è che quando il Taranto è concentrato e determinato nessun ostacolo è precluso. La seconda è che con qualche piccola correzione di rotta in termini di organico, la formazione di Papagni potrebbe davvero ambire al salto di categoria.

Tornano alla gara di oggi, i rossoblù sono stati protagonisti di una gara molto attenta, persino guardinga, nel primo tempo. Poi, nella ripresa, in soli 6 minuti tra il 20’ ed il 26’ hanno messo a segno il doppio colpo che ha regalato ai tifosi una ventata di gioia.
Il vantaggio è merito di Caiazzo, abile a farsi trovare tutto solo nell’area piccola da Mignogna. La sua incornata ha lasciato di sasso Imbimbo, il portiere avversario.

Il Marcianise accusa il colpo e dopo 6 minuti e sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina è Carcià a trovare la zampata vincente che ha chiuso i conti.

Il Taranto ha tentato di controllare il match, ma poi ha capito che c’era spazio per la terza rete. Gol che arriva al ’90 con Balistrieri servito in area da Muwana.

Poi, quando ormai sugli spalti si faceva festa è arrivato il gol della bandiera della capolista. L’ha messo a segno Vitiello al 92’ con una conclusione che impatta sul palo e finisce in porta. Ma è tardi per preoccuparsi. Il fischi finale regala il giro d’onore ai rossoblù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche