Calcio

Il tecnico Papagni: “Non siamo sazi, ora caliamo il tris”

L'allenatore: “Veniamo da due vittorie consecutive. Continuiamo a cullare il sogno della promozione nella Lega Pro unica”


TARANTO – Si torna in campo dopo la pausa ed i tanti chiacchiericci legati a possibili posticipi e rinvii.

La sfida del “Liguori” di Torre del Greco suona sicuramente come molto delicata in casa rossoblù con grande concentrazione nel gruppo e voglia di far bene, unico assente dovrebbe essere Migoni infortunato e che ha ripreso ad allenarsi da pochi giorni col gruppo.

“E’ uno dei tanti scontri diretti che ci attendono” queste le parole del tecnico Aldo Papagni “visto che già abbiamo disputato quello contro il Bisceglie ed ora avremo questo contro i corallini che puntano alla vittoria del campionato. Abbiamo un sogno e vogliamo centrarlo tutti insieme, ma perchè diventi realtà è necessario l’apporto di tutti oltre ai giusti e doverosi sacrifici in ogni ambito”.

Come prosegue il lavoro?
“Pulci ieri non si è allenato per la febbre e l’ha sostituito Riccio, vedremo se riusciamo a recuperarlo, oltretutto è un periodo di sintomi influenzali quello attuale ed è un aspetto di non poco conto da tenere in considerazione. Noi proseguiamo sempre quotidianamente il nostro impegno sul campo e vogliamo presentarci ad ogni partita sempre nel migliore dei modi, siamo reduci da due vittorie consecutive e dobbiamo proseguire su questa scia”.

Tre mesi di campionato tutti da vivere intensamente?
“Non ci sono dubbi, saranno un mix di scontri diretti che dovremo vivere senza perdere mai la concentrazione, saranno fondamentali fino al rush finale, nessuna partita è scontata o semplice, quindi ognuna di esse sarà determinante. Chiricallo ha detto che siamo favoriti? Ringrazio di cuore Marcello che conosco da sempre e che ho allenato a Barletta anni addietro, ci troveremo oltretutto domenica prossima dinanzi nel derby contro il Brindisi, come ho rimarcato più volte ho in mano una squadra forte ma non sono i curricula a far vincere i campionati, quindi bisogna solo ed esclusivamente basarsi sul lavoro quotidiano”.

Obiettivo quindi scontato.
“Dobbiamo pensare partita per partita, senza stare troppo a pesare questo o quell’aspetto. Domenica ci attenderà una sfida difficilissima contro un signor avversario costruito dal suo presidente Moxedano per vincere il campionato, del resto il loro massimo dirigente è uno che ama sempre primeggiare, quindi sappiamo di avere una sorta di prova del nove. Ci giocheremo come al solito le nostre carte, consci del fatto che sappiamo cosa vogliamo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche