18 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 17:16:45

Calcio

Domenico Pellegrini: “Temo Pettinicchio”

Il direttore generale rossoblù: “Grottaglie ottima squadra, il mister vorrà prendersi una rivincita. Ma noi non possiamo permetterci più passi falsi”


Il derby di Grottaglie si avvicina ed in casa rossoblù, in vista di una sfida molto delicata da ambo le parti, si prova a non farsi distrarre dalle vicende societarie. Il direttore generale Domenico Pellegrini, contattato da Buonasera Taranto in mattinata, è convinto sia nell’apporto dei numerosi tifosi che saranno al seguito di Balistreri e compagni che di un risultato positivo volto a stare alle costole di Matera e Marcianise.

“Non sarà una partita facile”, spiega, “visto che affronteremo un avversario in condizione ottimale e con numerosi ex oltre al tecnico Pettinicchio che è un grande amico e professionista perbene che merita la stima di tutti, complimenti al suo ottimo lavoro che sta svolgendo coi biancazzurri che ha risollevato grazie anche all’apporto degli innesti effettuati a dicembre dall’avvocato Antonio Marrone”.

Credete ancora nel primo posto?
“Siamo artefici del nostro destino, ci crediamo e la matematica non ci condanna, possiamo ancora giocarcela fino alla fine, di certo la squadra sa cosa vuole ed idem la società. Il 30 non so se lo scontro diretto sarà decisivo, bisognerà vedere come arriveremo sia noi che loro in classifica, l’augurio è trovarci magari a due-tre punti di distacco, ma ci sono altre tre partite che saranno sicuramente fondamentali per tastare chi potrà vincere il campionato”.

Prosperi assente per squalifica.
“Un’assenza pesante cui faremo purtroppo a meno, chi lo sostituirà sarà all’altezza e chiunque prenderà il suo posto saprà rimpiazzarlo a dovere, abbiamo una rosa ampia costituita da elementi che sono altrettanto importanti e validi, la nostra forza è il gruppo, abbiamo Grieco, Miale, Pulci, quindi abbiamo recuperato Carloto e Menicozzo, siamo tutti al completo e ci sono solo difficoltà di scelta per Papagni”.

Troppe cose non vanno sul campo, come si spiega questa altalenanza?
“L’espulsione di capitan Prosperi mi è sembrata esagerata, ma al di là di questo mi interessa che si vinca, tenuto conto che contro la Puteolana si è vinto in inferiorità numerica per oltre un’ora, ragion per cui questa determinazione dovremo usarla anche nel derby contro il Grottaglie. A Torre del Greco abbiamo fatto malissimo, ultimamente stentiamo troppo in trasferta mentre in casa sfruttiamo meglio le nostre potenzialità, dobbiamo cercare di dare continuità ai risultati, il quadro, ripeto sarà più chiaro domenica 23 alla vigilia della supersfida contro i lucani”.

Ma al D’Amuri sarà come giocare in casa?
“Ci saranno molti tarantini e questo fa piacere, anche se giocheremo su un terreno di gioco non al meglio e questo potrebbe penalizzarci, di certo sarà una partita molto delicata e ricca di rischi di ogni genere come lo sono del resto i derby, in cui non c’è mai una favorita. Il Grottaglie è un gruppo omogeneo, creato a dovere da una società che ha ben lavorato nel mercato di dicembre, allestendo una rosa con delle ottime alternative, quindi sarà un avversario da prendere con le molle e che già all’andata si dimostrò ostico, pur non avendo ancora innestato gli elementi che ha attualmente in rosa. Quindi dobbiamo affrontare questa partita consci del fatto che offrirà numerose difficoltà oggettive e dovremo stare molto attenti, visto che Pettinicchio è un signor tecnico che conosce bene ogni minimo dettaglio sia dei suoi giocatori che delle compagini avversarie”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche