x

x

Big match con il Matera, già venduti 3.000 biglietti

Obiettivo diecimila. Il sogno, neanche tanto lontano della società rossoblù è quella di poter contare finalmente sull’apporto dei numerosi fedelissimi come ai bei tempi ed essendo lo “Iacovone” agibile per 12mila spettatori allora l’ipotesi non sembra del tutto impensabile.

Già staccati sinora circa tremila tagliandi, nei prossimi tre giorni non si esclude un ulteriore impennata, tenendo conto anche che, essendo giornata Pro Taranto, pagheranno anche gli abbonati e quindi la caccia al biglietto è partita sin da subito.

I prezzi contenuti imposti dalla dirigenza testimoniano quindi ampiamente come ci sia la voglia di riportare il grande pubblico allo stadio e far sentire alla truppa di Papagni il calore fondamentale per recuperare un minimo di credibilità dopo l’amarissimo epilogo di domenica scorsa contro il Gelbison.

La curva nord, feudo del tifo jonico, è pronta a stringersi intorno a Clementee compagni e sta preparando una coreografia speciale nell’occasione, tant’è che si stanno esortando tutti i tifosi ad accedere in massa allo stadio e portare sciarpe, bandiere e cartoncini rossoblù.

Il cuore pulsante della passione tarantina, tornato finalmente agibile anche nell’anello inferiore dopo anni di chiusura, è pronto quindi a mettersi in motocome sempre per ridare quello slancio che era ormai da tempo appassito, la città di Taranto ama la sua squadra e sebbene la contesta, ha in cuor suo sempre la voglia enorme di stringersi intorno a Clemente e compagni.

Del resto, è rinomato da sempre, la tifoseria tarantina è sempre stata il dodicesimo uomo in campo e mai come stavolta il suo apporto sarà determinante, la carica dei possibili diecimila, punta numericamente parlando che non si tocca da quasi due anni ed esattamente dalla semifinale playoff contro la Pro Vercelli, è pronta a sferrare il guanto di sfida verso la remuntada al vertice.

A farsi sentire anche i tifosi della curva: “I gruppi della curva Nord con questo comunicato invitano tutti i tifosi ad affollare i gradoni dello Iacovone per sostenere i nostri colori e la nostra maglia in questa gara decisiva con il Matera, perchè malgrado tutto noi ci crediamo ancora ed è per questo motivo che chiediamo il contributo di tutti per colorare il nostro stadio con bandiere, sciarpe e vessilli, perchè ciò che conta, non sono i calciatori, non sono le società, ma la nostra maglia e l'onore della nostra città per vincere in campo e sugli spalti”.