x

x

Ripescaggi: ci sono le graduatorie. Taranto all’11° posto

Ieri pomeriggio è stata ufficialmente stilata la graduatoria delle riammissioni d’ufficio in Lega Pro, evento possibile nel caso in cui dovessero essere disponibili dei posti.

Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti ha diramato il Comunicato Ufficiale n.148 che sentenzia in modo testuale come le società in lista acquisiranno il diritto di priorità di presentazione della domanda di ammissione al campionato Unico di Lega Pro in caso di ripescaggio.

La graduatoria di merito ha posto il Taranto in undicesima posizione, essendo la quarta squadra eliminata nella terza fase dei play/off contro l’Arezzo e con un quoziente punti 1,9411 oltre che al 96°posto nella coppa Disciplina.

La società rossoblù però potrebbe scalare due posizioni in quanto l’Akragas (seconda nella classifica in questione quale perdente della finale play/off) ed i marchigiani del Matelica (migliore semifinalista) hanno ufficialmente rinunciato a presentare domanda di riammissione nella categoria professionistica su esplicite dichiarazioni ufficiali delle rispettive dirigenze e questo da un lato potrebbe costituire un’ancora ulteriore di vantaggio per lo stesso Taranto che, particolare non da poco, ha dalla sua i requisiti dettati da bacino d’utenza, stadio a norma, incassi certificati delle ultime cinque stagioni come richiesto dalla FIGC e blasone.

Scorrendo nel frattempo la graduatoria in questione si nota che al primo posto vi è la Correggese vincitrice dei play/off, quindi quarto il Pomigliano, quinto il Borgosesia, sesto l’Arezzo, settimo il Ponte S.Pietro Isola, ottavo il Foligno, nona la Sacilese e decimo il San Cesareo. Allo stato attuale, su 60 compagini che prenderanno parte alla prossima C unica, è libero ufficialmente un solo posto lasciato libero dalla Nocerina, a sua volta estromessa a campionato in corso e radiata dai ranghi federali, sebbene dovrebbe andare ad una delle retrocesse dai play/off di Seconda Divisione con i veneti del Delta Porto Tolle ed i campani dell’Arzanese in pole position.

I primi risvolti sulle bocciature e le ammissioni si avranno non prima di inizio luglio con Lega e Covisoc che, esaminate le domande e vistato bilanci e documentazioni apposite, comunicheranno chi sarà in regola e chi no, rinviando ad una fase suppletiva di appello cui poi farà numi il Consiglio Federale con l’elenco ufficiale.

Bisogna poi aggiungere eventuali ricorsi ulteriori a Camera di Conciliazione ed Arbitrato del Coni, quindi Tar del Lazio ed in ultima battuta Consiglio di Stato, coi tre gironi che verranno ufficializzati non prima di Ferragosto.

Nella domanda di riammissione occorrerà presentare anche una fidejussione di 600mila euro più 200mila euro a fondo perduto, una cifra sicuramente molto corposa e non semplice da reperire di questi tempi, in poche parole servirà avere una gittata economica solida per poter prendere parte al nuovo campionato oggetto di riforma recente.

In data odierna, finestra del solstizio d’estate, è tutto quindi in alto mare e non potrebbe essere altrimenti, il primo passo, consistente in questa classifica ufficiale, è stato fatto, per completare il tassello serviranno ancora quasi due mesi prima di avere un quadro cognitivo concreto.