Calcio

Taranto calcio, stasera il Cda della verità

Il futuro del sodalizio rossoblù passa dalle decisioni che verranno prese dal Consiglio di amministrazione


Campitiello-Di Cosola sul filo di lana. Dal cda di stasera del Taranto, a Carmiano (dal socio forte, ma in uscita, Mario Petrelli) si attendono novità per il futuro del sodalizio ionico. Che, ad oggi, rimane in bilico. Perché la partita in corso è più complessa di quanto si possa credere, con scontri ‘sotterranei’ in seno alla sin troppo composita compagine attuale.

Sulla new entry Di Cosola, in passato vicino ad altri club, si registra lo scetticismo di gran parte della tifoseria, che punta sui Campitiello, titolari della Jomi, azienda importante – come fatturato – dell’agro alimentare. La speranza è che si faccia definitivamente chiarezza, capendo cosa succederà e perché, nel senso che la scelta (se ci sarà) tra Campitiello e Di Cosola dovrà essere giustificata e motivata agli occhi dei tifosi, vero patrimonio del nostro calcio, che meritano un futuro migliore.

Intanto, inizia a serpeggiare la preoccupazione in casa Grottaglie ed a dieci giorni dalla scadenza delle domande di iscrizione alla serie D è ancora tutto al palo.

Il presidente Leo D’Amicis da par suo dice schiettamente queste testuali parole: “Non possiamo andare avanti così, siamo in attesa di una risposta del primo cittadino in merito a tante questioni.

L’iscrizione è sicura e la garantiamo, ma il resto no, lo dico a chiare

lettere, serve un apporto importante da parte degli sponsor perchè sarà un campionato oneroso più del passato e non possiamo negarlo. Io posso restare come collaboratore, visto che sto nella società da una vita, ma mi auguro che ci sia finalmente uno sblocco della forza imprenditoriale”.

Parola all’avvocato Antonio Marrone: “Sono preoccupato e non lo nego, passano i giorni e non si muove foglia. Di sicuro posso garantire che farò di tutto per incontrare potenziali acquirenti ma è altrettanto vero che devo pensare pure ai miei impegni
professionali forensi ed alla famiglia, quindi spero che ci sia uno sviluppo immediato. Le scadenze sono vicinissime e bisogna adempiere in tal senso, ora come ora siamo nel campo delle ipotesi, per cui non resta che sapere la risposta del sindaco che fu determinante due anni addietro proprio per il salvataggio del calcio grottagliese”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche