x

x

La Lega Pro rinvia anche la terza giornata di ritorno

Il Taranto

Atmosfera surreale ed inevitabile deja-vu. Non decollano gli eventi agonistici nell’avvento del nuovo anno solare, per quel che concerne i palcoscenici professionistici della serie C. Ancora un rinvio di un’intera giornata, la terza del girone di ritorno. Ancora una rimodulazione del calendario che si preannuncia intasato a febbraio, con due partite in più da recuperare, già incastonate come appuntamenti infrasettimanali. Protagonista implicita dell’ennesimo stravolgimento è la variante Omicron, la quale incombe sui club e rischia di destabilizzare totalmente un sistema già precario e confusionario in materia di contenimento di una pandemia che si trasforma e si trascina ormai da due anni.

E’ ancora Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, a “giocare d’anticipo”: dopo aver annullato e posticipato il secondo turno del giro di boa, inizialmente in programma domani e pianificato per mercoledì 2 febbraio, ieri il massimo dirigente ha ufficializzato la cancellazione anche della 22ma giornata del campionato di serie C. Quest’ultima, in agenda domenica 16 gennaio, è slittata a mercoledì 23 febbraio. A corredo della delibera c’è anche la rinnovata versione della tabella di marcia che ogni squadra dei tre raggruppamenti dovrà accettare. Vanificata per il Taranto l’affascinante trasferta al “La Favorita” di Palermo, per una sfida coi rosanero assente da parecchio negli annali calcistici: dopo aver rinunciato alla performance fra le mura amiche col Campobasso, la compagine ionica sarà di scena in Sicilia precisamente martedì febbraio alle ore 21.00.

“Il Presidente della Lega Pro, sentiti i membri del Consiglio Direttivo, sentito il parere del Consulente Medico Scientifico della Lega Pro Dott. Francesco Braconaro, considerate il permanere delle condizioni di incertezza ed il periodo estremamente delicato derivante dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 – si legge nella nota divulgata ieri pomeriggio- a parziale modifica dei Comunicati Ufficiali n. 73/L del 09.08.2021 e n. 86/L del 12.08.2021, dispone il posticipo della 3a giornata di ritorno del Campionato Serie C 2021/2022 come di seguito riportato: 3a giornata di ritorno 23 febbraio 2022 anziché 16 gennaio 2022, ore 21.00”. La sequenza di partite che coinvolge, nel dettaglio, la formazione ionica allenata da Giuseppe Laterza, consta innanzitutto di due gare da disputarsi nel mese di gennaio: la prima, che coincide con l’esordio delle attività competitive annuali, è contro la Paganese, ribadita fra le mura dello stadio Iacovone, domenica 23 alle ore 17.30 (quarta di ritorno), mentre la seconda, che inaugura la serie di trasferte, è prevista per domenica 30 a Latina, con fischio d’inizio alle ore 17.30 (quinto turno del giro di boa).

Le due esibizioni consecutive in terra laziale saranno intervallate, come preannunciato, dal recupero Taranto-Campobasso (secondo turno in agenda mercoledì 2 febbraio, ore 18.00); un segmento cronologico esiguo che condurrà gli ionici verso il feudo del Monterosi Tuscia (sesta giornata di ritorno, 6 febbraio, palla al centro alle ore 17.30). Il programma di febbraio si sviluppa in modo originale: il Taranto ospiterà la Virtus Francavilla sabato 12 alle ore 17.30 (gara valevole per la settima giornata di ritorno), successivamente sarà atteso dal confronto esterno con la Vibonese, ottavo turno inserito martedì 15 alle ore 18.00. Le alchimie del calendario riveduto e corretto propongono le sfide ravvicinate con due rivali ambiziose: la compagine ionica cercherà la rivincita contro il Catanzaro sabato 19 febbraio alle ore 17.30 (nona giornata di ritorno fra le mura dello Iacovone), poi si esibirà a Palermo, proprio per il recupero fissato mercoledì 23 febbraio in notturna (ore 21.00). Il mese si conclude con la performance esterna in casa della Fidelis Andria, sabato 26 febbraio alle ore 17.30.

Intanto il Taranto non arresta il suo processo di perfezionamento didattico e fisico. La squadra rossoblu, ancora priva dei sei giocatori e di un esponente dell’area tecnica che sono risultati positivi ai test antigenici di controllo previsti alla ripresa della preparazione, immediatamente dopo le celebrazioni del Capodanno, si è allenata regolarmente sia nel giorno di festa dell’Epifania, che nella mattinata di ieri. Mister Laterza ha coordinato principalmente un lavoro tecnico, successivo alla classica fase di riscaldamento e completato da una sgambatura a campo ridotto. Nell’appuntamento precedente, in proiezione del match col Palermo che non era stato ancora rinviato, l’equipe ionica si era concentrata sugli sviluppo delle fasi di possesso e non possesso palla, rodando uomini e schemi attraverso una serie di partitelle a perimetro ridimensionato. Nella mattinata odierna è in programma un’unica sessione di esercitazioni. Costante è il monitoraggio dell’infermeria rossoblu: l’auspicio è di reintegrare in gruppo elementi già costretti ad un lungo stop quali Ferrara, recuperando da un danno al flessore subìto durante il match col Catania; Guastamacchia, centrale difensivo finalmente disponibile dopo il grave incidente al ginocchio accorsogli nella porzione finale del campionato della promozione: avvicenderà, come “slot” nell’elenco, lo sfortunato Diaby, talentuoso centrocampista destinato a tre-quattro mesi di riabilitazione in seguito alla ricostruzione chirurgica del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Per i colleghi di reparto Granata e Riccardi la situazione appare più proibitiva: il primo è vittima di uno stiramento (aveva abbandonato prematuramente la sfida col Picerno a seguito di un duro contrasto), il secondo sta insistendo sul processo riabilitativo per la lesione al quadricipite rimediata durate la gara col Messina ad inizio dicembre.

 Alessandra Carpino