x

x

Taranto calcio, Montervino: “Siamo al lavoro”

Si lavora sottotraccia sul fronte societario con il “garante” Francesco Montervino che al momento ha preferito adottare la tattica del silenzio in attesa degli sviluppi ufficiali che dovrebbero comportare, dopo lunga attesa, il famoso passaggio di proprietà nelle mani dei fratelli Campitiello.

“Al momento non rilasciamo dichiarazioni e tra oggi e domani avremo una riunione in cui stabiliremo alcuni punti, sarà quindi compito dei nostri portavoce riferire il tutto nei minimi dettagli”. Dopo l’infuocata conferenza stampa di ieri mattina presso la sede della Fondazione Taras e gli sviluppi possibili relativi al tanto atteso passaggio di consegne (l’ormai ex presidente Fabrizio Nardoni ha anche disattivato il suo profilo Facebook), l’intera città è dunque in attesa di conoscere i potenziali scenari legati ad un nuovo progetto che vede anche in pista l’ipotesi ripescaggio in Lega Pro unica.

Non ci sono dubbi che la tifoseria rossoblù è stanca di troppe tiritere e chiac-chiericci continui che in questi anni non hanno certo fruttato a dovere se non solo illusioni e nulla più, ora si attende in questa settimana e l’inizio della ventura di poter avere cognizione concreta di tutto in aggiunta ad un nuovo ciclo vincente. Importante, ai fini del ripescaggio, l’atteso verdetto – arriverà in giornata – della Covisoc, chiamata a valutare le posizioni dei 59 club che hanno presentato domanda di iscrizione al prossimo campionato della Divisione Unica. I club esclusi avranno di tempo fino a martedì 15 (poche ore) per presentare ricorso, attraverso una nuova pratica che prevede l’esborso di altri novemila euro. 

Da segnalare, infine, le dimissioni di Claudio Andriani ed altri due elementi del direttivo, Antonio Fullone e Raffaella Quaranta, dalla Fondazione Taras.