x

x

Il Taranto ritorna oggi ad allenarsi

Prove di ripartenza. Il Taranto inaugura oggi le operazioni, didattiche e pratiche, propedeutiche a quello che dovrebbe finalmente rappresentare il debutto degli appuntamenti agonistici del nuovo anno solare per la serie C, ovvero il match interno con la Paganese, in programma fra le mura amiche dello Iacovone domenica prossima, 23 gennaio, con fischio d’inizio alle ore 17.30. Il calendario rimodulato ed il nuovo protocollo sanitario approvato venerdì scorso anche dal Comitato Tecnico Scientifico per le categorie sportive professionistiche confortano circa il ripristino della regolarità del torneo: è in agenda la quarta giornata del girone di ritorno, la formazione ionica deve riavvolgere il simbolico nastro di un secondo atto di campionato già impreziosito dal blitz a Torre del Greco, che ha riconsegnato la vittoria in trasferta prima della pausa natalizia ed ha garantito in dote la quota di trenta punti in classifica, essenziali per una gestione equilibrata ed interessante del percorso intrapreso verso la salvezza.

Gli uomini di Giuseppe Laterza hanno perseverato nelle esercitazioni e nel perfezionamento dei meccanismi sino al pomeriggio di domenica, occasione per disputare una classica amichevole in famiglia suddivisa in due tempi da mezz’ora, durante la quale si sono distinti nel tabellino dei marcatori Barone (punta prelevata dal Gladiator e già protagonista di porzioni di gara contro Picerno e Turris), Versienti (distintosi recentemente come terzino destro, assoluto emblema di duttilità) e Pacilli (sottile enigma di mercato, per contributo e gesta assicurati ad intermittenza). L’incognita che incombe sul gruppo rossoblu riguarda la positività alla variante omicron riscontrata in altri cinque tesserati venerdì scorso: quattro calciatori ed un esponente dell’area tecnica, a fronte dei precedenti atleti negativizzati e reintegrati in allenamento. Il rinnovato protocollo sanitario prevede la richiesta e l’autorizzazione del rinvio di una partita al cospetto di un numero di elementi contagiati, afferenti al grupposquadra, superiore al 35%: gli stessi dovranno osservare il periodo di isolamento e sottoporsi ai test antigenici rapidi con una frequenza di cinque giorni (se catalogati ad alto rischio).

Allo stato attuale, le premesse che la gara fra Taranto e Paganese, che pure annovera tre giocatori non negativizzati, sia disputata regolarmente esistono. Si susseguono incessanti, intanto, le voci inerenti ipotetiche o possibili negoziazioni valide per la sessione invernale del calcio mercato, che conoscerà il suo epilogo a fine mese. Del Taranto neopromossa di prestigio e dal rendimento eccellente attraggono molti protagonisti e, nelle ultime ore, sotto i riflettori è finito il centrocampo. Agli onori della cronaca è rimbalzato il nome di Marco Civilleri, autore di prestazioni votate a coniugare razionalità, corsa, sostanza ed anche gol sull’asse nevralgica schierata sia a due che a tre da mister Laterza: la sua esperienza e la sua funzionalità non sono passate inosservate a due maestri del settore come Peppino Pavone e Zdenek Zeman, rispettivamente direttore sportivo ed allenatore del Foggia. L’agente del centrocampista palermitano, Maurizio Casilli, aveva ammiccato circa il desiderio di un prolungamento del contratto annuale con il sodalizio rossoblu: il corteggiamento del club dauno potrebbe rappresentare l’input per instaurare presto un dialogo fra le parti, ma nell’ambiente non si sta escludendo l’avviamento della suddetta trattativa. Un’altra scommessa del demiurgo ionico Francesco Montervino, ovvero Franco Bellocq, ha incantato la Paganese: il mediano argentino, prelevato dal massimo campionato ellenico, è seguito dal diesse D’Eboli, il quale però ha frenato circa le ipotesi di uno scambio con Giovanni Volpicelli, giovane centrocampista partenopeo ingaggiato dal Benevento.

Per quel che riguarda invece la retroguardia, insistente è diventata la candidatura ad indossare la maglia rossoblu da parte di Nicola Turi, esterno difensivo classe ’98, svincolato ma reduce dalla scorsa stagione nelle fila del Foggia, nonché ex militante nel Vicenza e nel Bisceglie. La sua propensione sulla destra potrebbe innescare dubbi circa la permanenza di qualche collega dal ruolo analogo: non emergono indiscrezioni in tal senso, poiché l’under Tomassini ha stipulato un accordo sulla base triennale, mentre l’esperto Riccardi, centrale naturale ma già adattato alla mansione, è appena rientrato al lavoro col gruppo, dopo essersi sottoposto all’ecografia di controllo per la lesione al quadricipite rimediata durante la sfida col Messina di inizio dicembre. In una sessione dedita alla limatura dell’organico, eventuali acquisti mirati devono compensare le cessioni: una partenza di Mario Pacilli, che pure beneficia della fiducia e del senso dell’attesa assicurati del suo allenatore Laterza, potrebbe liberare il posto ad Antonio Piccolo, esterno offensivo dall’intuito estroso in uscita dal Catania; da fonti etnee si allude ad un accordo già rintracciato, persino alla sua validità sino al giugno 2023. Il ritorno di Italeng al vivaio dell’Atalanta, invece, aveva suggerito un interessamento del Taranto per Giuseppe Montaperto, attaccante nativo del 2000 e legato al Teramo, di proprietà dell’Empoli.

Alessandra Carpino

Taranto, è Nicola Dionisio il nuovo ds

Il Taranto ha finalmente un nuovo direttore sportivo: si tratta di Nicola Dionisio. Il senso dell’attesa, il gioco delle parti, gli ostacoli criptici, finalmente l’esito: dopo un mese di approcci, di colloqui, di riflessioni, ma anche di trattative illustrate, sospese, persino ed implicitamente rifiutate, il Taranto ha scelto il suo nuovo ds. Finalmente, nella giornata […]

Prisma Taranto, Rizzo è il nuovo libero: «Felice di ripartire da qui»

Marco Rizzo sarà il nuovo libero della Gioiella Prisma Taranto. Classe 1990 di 185 cm di Galatina, Marco torna in Puglia dopo tre anni a Vibo Valentia. Aveva iniziato la sua carriera ad Ugento, Taviano e Gioia del Colle, per poi migrare a Gela, Genova, Molfetta, Brolo e Sora, finché non è arrivato il salto […]

Nuovo ds del Taranto, tutto ancora da decidere

Nel labirinto delle ricerche e delle decisioni. E’ trascorso un mese dall’epilogo del campionato regolare, caratterizzato dal conseguimento della salvezza aritmetica, ed il Taranto continua a trovare ostacoli e pause nelle trattative per l’ingaggio del nuovo direttore sportivo: quel vantaggio cronologico accumulato sulla tabella di marcia della riorganizzazione ai vertici societari, al cospetto di altre […]

Taranto, il “giallo” del nuovo ds

Surreale ed enigmatica. La ricerca e, soprattutto, l’ingaggio del nuovo direttore sportivo da parte del Taranto vivono una situazione di stallo che, a sua volta, ha già compromesso quel vantaggio cronologico sulla tabella di marcia della riorganizzazione societaria, resa necessaria dopo il prematuro licenziamento di Francesco Montervino nell’epilogo del campionato regolare, suggellato dalla salvezza diretta […]