13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 06:53:50

Calcio

Entro Ferragosto la squadra rossoblù sarà al completo

Francesco Montervino, direttore sportivo, illustra il nuovo team. Su Manzo: “Non è nei nostri piani. Riccio? Non c’è accordo”


Al momento è l’unico tesserato della società autorizzato al colloquio con gli organi di informazione ed ha assicurato che entro Ferragosto l’organico verrà completato almeno all’80%. Iperattivo ed energico, una telefonata dietro l’altra, Francesco Montervino, 36enne tarantino doc e direttore sportivo rossoblù, illustra a BuonaseraTaranto la costruzione della nuova squadra in mano a Massimiliano Favo.

“Stiamo lavorando per allestire una rosa di qualità e l’ingaggio di Giuseppe Genchi in avanti è stato sicuramente un grosso colpo visto che lo abbiamo strappato ad una nutrita concorrenza, oltre ad essere una punta prolifica, questo sicuramente è un grosso tassello per il reparto avanzato. Sul fronte portiere siamo interessati a Mirarco, ma il ragazzo ha alcune questioni da risolvere col Lecce che è proprietario del suo cartellino, comunque speriamo di risolvere al meglio la questione”.

Si parla di Luigi Manzo, ex Savoia, per la difesa.
“Non è nei nostri piani e quindi smentisco questa voce, mentre su Riccio purtroppo non ci siamo trovati d’accordo e dispiace, visto che era un nostro obiettivo, alla fine ha deciso diversamente e ne prendiamo atto. Abbiamo preso in prova Monaco (un ex ai tempi della presidenza Blasi) e lo stiamo valutando, sono altre le nostre priorità ed entro Ferragosto arriveranno sei-sette elementi che ci consentiranno di avere l’ossatura della squadra quasi al completo, per poi completare tutto entro fine mese”.

Domenica a Venezia e quindi ritiro al nord?
“Domani ufficializzeremo il programma, ci stiamo lavorando sopra e decideremo bene. Potremmo andare al “Penzo” con la juniores, per ora è fondamentale completare la rosa, dobbiamo recuperare il tempo perduto”.

Lei è ripartito come calciatore da zero a Napoli e Salerno arrivando in alto, sarà così anche per il Taranto?
“I risultati si raggiungono solo con sacrifici, abnegazione e maniacalità, dico solo che abbiamo tantissimo da lavorare e che dobbiamo costruire, con attenta progettualità e passo dopo passo, ogni cosa. La scelta di Favo come allenatore è stata frutto semplicemente del fatto che è un motivatore come pochi ed ha un curriculum importante, poi si può anche sbagliare ma quello che conta è saper scegliere nel modo più coerente ed attento”.

Un girone H che si preannuncerà come sempre molto equilibrato, conferma?
“Mi fa piacere perchè questo implica grosse motivazioni sia a me che alla squadra, bisogna sempre avere rispetto di tutti e sapersela giocare con altrettanto spirito agonistico. Ne sale solo una in Lega Pro e da un lato è anche svantaggioso, però è altrettanto vero che rimane quello di serie D un campionato molto interessante e ricco di spunti, anche se è sempre stato un raggruppamento difficile quello in questione”.

Un messaggio ai tifosi rossoblù.
“Di avere fiducia nel nostro operato e progettualità. Siamo i primi ad avere grosse ambizioni e vogliamo fare bene, abbiamo costruito un ottimo staff tecnico ed ora faremo altrettanto con quello calciatori, ripeto, per ottenere risultati servono spirito di sacrificio e collettivo”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche