03 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

Calcio

Taranto calcio, gruppo unito per raggiungere la vittoria

Pomigliano ostico, mister Favo pensa ad un Taranto d’attacco


Il gruppo è unito e conscio di ciò che vuole.

Il match di domenica contro il Pomigliano, che chiuderà un mese di ottobre con luci (poche) ed ombre (molte) almeno a livello di risultati, sarà fondamentale per iniziare la risalita verso la zona nobile della classifica, in vista poi di un novembre che vedrà ben tre scontri diretti in trasferta contro Gallipoli, Andria e Potenza.

Massimiliano Favo, uomo dalla scorza dura e tignosa, non molla di un centimetro e con la sua flemma di perfezionista maniacale come pochi tiene tutti sotto torchio e non guarda in faccia nessuno, del resto uno che è cresciuto calcisticamente sotto l’egida di santoni della panchina come Rino Marchesi, Ottavio Bianchi, Enzo Ferrari, Gianni Di Marzio, Fabio Brini e Luciano Spalletti non è certo l’ultimo venuto.

Appiedato Daniele Marino (papà Raimondo che ricopriva il suo stesso ruolo l’avrà sicuramente redarguito a dovere essendo da sempre un tecnico severo con i suoi calciatori e molto devoto a non assumere atteggiamenti di reazione per suo principio diretto) per quattro turni, bisognerà lavorare su un sostituto all’altezza, per il resto tutti a disposizione.

Taranto BuonaSera intanto ha sentito l’ex difensore rossoblù Cesare Cattaneo, una stagione in B nel 1971-72 sotto l’egida del compianto Mario Caciagli, lombardo doc residente vicino al Lago di Como ma sempre molto legato al Taranto.

“Sono stato di passaggio a luglio nella vostra città mentre andavo con la famiglia a Gallipoli e volevo salutare i vecchi amici, di sicuro ho sempre a cuore questi colori e da ex difensore consiglio di essere sempre tranquilli sul campo, alle volte i nervosismi giocano brutti scherzi. Mi dispiace vedere una bellissima piazza come la vostra in queste categorie, purtroppo sono tempi difficili, io stesso ormai sono fuori dal giro anche se quando ero ad Avellino ebbi come compagno di reparto Sergio Giovannone che mi parlava sempre con affetto enorme di Taranto e della sua splendida tifoseria. Spero l’estate ventura di stare qualche giorno da voi, magari col ritorno in Lega Pro”.

Allenamento pomeridiano programmato per oggi, rifinitura domani mattina e conferenza del tecnico intorno a mezzogiorno che illustrerà, sia pure come sempre abbottonato per suo costume, la sua analisi sia sul derby di domenica scorsa a Monopoli che la sfida delicata contro i partenopei, compagine che oltretutto lui stesso conosce bene essendo originario del capoluogo campano.
A dirigere l’incontro è stato designato il signor Sartori di Padova.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche