22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 19:00:49

Calcio

Troppi punti persi per strada, squadra a rapporto da Favo

Il tecnico duro con i giocatori dopo il pareggio-beffa di Gallipoli


Dai un cinque al tuo cuore. E’ questa l’iniziativa coniata dalla società che, per incentivare un maggiore afflusso di pubblico ha disposto i biglietti a cinque euro in tutti i settori per under 18, over 65 e donne.

Una bellissima scelta che, si augurano i dirigenti, possa finalmente rivedere uno stadio pieno come ai bei tempi visto che il presidente Domenico Campitiello aveva lamentato nell’ultimo match contro il Pomigliano la mancanza di punte di presenti numericamente parlando corposa. In una struttura che allo stato attuale può contenere, essendo ridotta la capienza a poco più di 12 mila posti, sarebbe una bellissima cosa poter almeno contare cinque-seimila presenti sugli spalti e conoscendo la grande passionalità del tifoso rossoblù finalmente potrebbero uscire fuori i presupposti per far tornare l’entusiasmo, assente da troppo tempo. Intanto, tornando sul fronte tecnico, Giuseppe Genchi sembra non avere grossi problemi e potrebbe recuperare per il match di domenica contro i campani di Vincenzo Nutolo, mentre sarà ancora fuori Daniele Marino per squalifica.

Alla ripresa della preparazione nel pomeriggio di ieri il tecnico Favo ha quindi tenuto a rapporto la squadra, esortandola ad avere una certa attenzione nelle fasi cruciali di gioco ed ad assumere maggiore tigna nella fase avanzata, cercando soprattutto di essere più lucida sotto rete e di migliorare sotto l’aspetto del carattere. Non a caso infatti a Gallipoli Gabrielloni e compagni hanno dato sfoggio di ottima qualità tecnico-tattica e su questo il trainer napoletano ne è ampiamente soddisfatto, ciò non toglie tuttavia che la difesa ha troppi buchi e non è la prima volta che questo avviene, ragion per cui contro i partenopei servirà ben altra mentalità. Proprio il Gallipoli da oggi ha tre punti in più: accolto il ricorso, 3-0 a tavolino col San Severo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche