Calcio

Favo e Campitiello dopo il successo di Pozzuoli: “Adesso i tifosi allo stadio”

Dopo la terza vittoria consecutiva ed il quarto posto a soli quattro punti dal secondo


Un botto di fine anno soddisfacente e terza vittoria consecutiva che se non altro pone maggiore serenità ed un quarto posto a soli quattro punti dal secondo (occupato dal Potenza) che ostenta molto ottimismo per il doppio turno consecutivo casalingo in programma con l’inizio del nuovo anno. Il successo di Pozzuoli è stato frutto di grande maturità collettiva con una doppietta di Genchi (ormai consolidatosi a dovere sotto rete) il sigillo di apertura di capitan Prosperi e la chiusura del neo acquisto Giglio ed ora si ricomincerà il lavoro sabato 27 pomeriggio in proiezione del derby contro il Manfredonia del prossimo 4 gennaio che chiuderà il girone di andata.

Il tecnico Favo inizia finalmente a raccogliere i frutti di un incessante lavoro ed i suoi meriti sicuramente gli vanno ascritti a priori, così come va anche menzionato che il nuovo innesto in avanti, un “giovanotto” di 36 anni suonati, ha costituto enorme qualità e soprattutto un ottimo surrogato di esperienza che non guasta assolutamente mai.

“Sono molto contento di questa vittoria – ha esordito lo stesso trainer rossoblù – che ci consente di risalire in classifica di poterci avvicinare al secondo posto, distante appena quattro lunghezze, ragion per cui dobbiamo proseguire su questa scia e cercare di conquistare altre affermazioni importanti. Il calendario di darà una mano, almeno sulla carta, con questo doppio turno interno contro Manfredonia e Gelbison, ora ci riposiamo alcuni giorni e quindi ricominceremo ad allenarci intensamente perché dobbiamo recuperare il terreno perduto. Peccato per la vittoria in extremis della Fidelis Andria (allo scadere con un sigillo di Moscelli) ma sono sicuro che le cose cambieranno ulteriormente al meglio”.

Il presidente Domenico Campitiello gongola anch’egli: “Sono molto contento di questa ottima prestazione che ci ha dati una vittoria molto importante. Auguro a tutti gli sportivi e non di Taranto un sereno e felice Natale, alla ripresa del campionato voglio tanta gente allo stadio perché ci teniamo all’apporto numeroso del pubblico”. Il 2014 quindi va in archivio e sicuramente è l’ennesimo anno non bello del calcio rossoblù, condito dalla tripla amarezza della mancata promozione a maggio, quindi l’eliminazione nei play/off contro l’Arezzo e la riammissione d’ufficio sfumata in extremis a vantaggio dell’Arezzo. Ma scorrendo l’almanacco Panini appena uscito, c’è sicuramente un qualcosa che potrebbe essere di buon auspicio per il 2015: Nella scorsa stagione il Matera, vincitore del campionato, chiuse il girone di andata al quarto posto a quota 27 a quattro lunghezze dalla capolista Marcianise e nel ritorno ne timbrò ben 37.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche