11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 15:46:20

Calcio

Taranto-Manfredonia: 1-1. Rossoblù spreconi, due punti regalati

Sfuma all'82' la prima vittoria del 2015. Il gol tarantino è di Giglio


Ancora una volta il Manfredonia si rivela particolarmente indigesto per il Taranto. E così, quando tutto sembrava in discesa e la prima vittoria del 2015 era ad un passo, ecco l’incertezza difensiva rossoblù che ha spianato la strada ad un inatteso pareggio ospite.

Un buon Taranto deve, dunque, recriminare con se stesso per aver gettato alle ortiche due punti pesantissimi nella rincorsa verso le zone di vertice della classifica.

Ha giocato bene per circa 80 minuti, pagando carissima, una carambola nella propria area di rigore, sfruttata alla grande dal Manfredonia quando mancavano solo 8 minuti al 90’.

Il primo tempo si era concluso sullo 0-0 con il Taranto costantemente in attacco e capace di creare almeno un paio di grandi occasioni.

La più importante, al 37’, sui piedi di D’Avanzo che a tu per tu con il portiere avversario si ipnotizzare.

Lo stesso D’Avanzo al 42’ ha un grande spunto che Genchi solo d’un soffio non riesce a capitalizzare di testa.

La ripresa si apre con il vantaggio del Taranto: dopo appena 4 minuti Giglio supera il portiere avversario con un tocco di classe, sfruttando un assist di Porcino. E’ il gol che sembra mettere in discesa il match per il Taranto.

La reazione del Manfredonia è tutta in una straordinaria palla gol capitata al 56’ sui piedi di Bozzi che davanti a Mirarco spreca clamorosamente.

A quel punto il Taranto rinserra le fila e non concede più nulla, tentando di sfruttare anche i contropiede.

Esattamente come avviene al 66’ con Tarallo che non conclude adeguatamente una grande ripartenza dei rossoblù.

E così si arriva al minuto 82’ quando De Vita del Manfredonia, vince un rimpallo in area e poi mette a segno il gol dell’inatteso 1-1.

Inutile in forcing finale dei rossoblù che, dopo quattro minuti di recupero, devono accontentarsi del punteggio di parità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche