Calcio

Taranto calcio, “Obiettivo secondo posto”

Vittorio Insanguine: Solo una penalizzazione per il caso D’Agostino può riuscire a fermare la corsa dell’Andria verso la promozione


I colori rossoblù li porta sempre nel cuore e non potrebbe essere altrimenti.

Attualmente in testa nel campionato di Prima categoria col Pezze di Greco, nei pressi di Fasano, ed in semifinale di coppa Puglia, Vittorio Insanguine, 48 anni il prossimo 15 febbraio, vede chiuso definitivamente il discorso primo posto, salvo che la vicenda D’Agostino non cambi i connotati. 

“Parto da una premessa, non vedo il Potenza in grado di impensierire la capolista visto che non ha a mio avviso un organico in grado di competere ad alti livelli. Solo Brindisi e Taranto possono dire la loro, anche se i primi sono in risalita frutto di una serie di vittorie consecutive ed i secondi invece stentano continuamente nei risultati, in aggiunta al fatto che non conosco il nuovo tecnico Battistini. Ma se la classifica dovesse restare inalterata credo che sia fondamentale puntare su secondo o terzo posto, visto che mi dite che la riforma dei play/off avvantaggia molto chi si classifica in queste posizioni”.

Intanto si diverte col Pezze di Greco.
“E’ chiaro che, senza offendere nessuno ovviamente, punto a qualcosa di maggiormente prestigioso. Ma nel calcio attuale solo con amicizie potenti si fa carriera, altrimenti si resta al palo e si vivacchia, ormai è un quadro balordo ma purtroppo altrettanto veritiero. Trovarmi alle soglie del mezzo secolo con un’ottima carriera di calciatore ma non altrettanto come allenatore non è proprio il massimo, ma è un calcio completamente cambiato rispetto a vent’anni fa”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche