25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2021 alle 11:57:00

Calcio

Con Battistini quattro punti nelle prime due partite

Un gol fatto e nessuno subìto: la formazione rossoblù si conferma ‘work in progress’ ma la strada sembra quella giusta


Gestione Battistini, due partite e quattro punti, una rete all’attivo e zero al passivo.

Un inizio sinora tutto sommato positivo quello del tecnico romano di stanza a Quarata, un tiro di schioppo da Arezzo, anche se il gioco al momento è ancora in fase di divenire.
Il pari di Bisceglie alla fine è un risultato importante che non cambia di una virgola la classifica con rossoblù e nerazzurri saldamente in condominio in terza posizione, sebbene il secondo posto ora dista ben otto punti avendo il Potenza fatto suo ed in che maniera anche il derby contro il Francavilla nella cittadina sinnica.

Non era facile uscire indenni dal “Ventura” ed alla fine lo stesso allenatore è uscito soddisfatto del punto acquisito, con l’obiettivo ora rivolto al prossimo derby contro il Brindisi (che non recupererà neanche dopodomani la sfida interna contro la Fidelis Andria, probabile data mercoledì 18) che sarà sicuramente molto importante sia per staccare i biancazzurri adriatici che per blindare la terza posizione in solitudine e cercare di rosicchiare punti ai lucani di Giacomarro, in aggiunta al fatto che subito dopo Pasqua vi sarà lo scontro diretto allo “Iacovone”.

L’uomo del Cupolone, è proprio il caso di denominarlo in tale veste visto che è originario proprio della zona di San Pietro nella capitale, ha sinora riportato sia entusiasmo che obiettività a livello di lavoro e risultati, questo gli va ampiamente riconosciuto e bisogna quindi aggiungere un altro fattore di non poco taglio quale il continuo dialogo col gruppo durante gli allenamenti ed anche di stampo individuale.

Non a caso ha conseguito una laurea in Psicologia e questo significa tantissimo, del resto in una compagine calcistica anche il fattore personale ed intimo ha una sua fattispecie di corposità di non poco conto, ragion per cui è proprio il caso di dire che il Taranto ha finalmente trovato un allenatore di qualità sia umana che tattica.

Sui fronti Pellecchia e D’Agostino nessuna novità, su quest’ultimo caso da Andria trapelano solo voci sensate di attesa di fissazione della data del deferimento che dovrebbe avvenire a questo punto intorno ad inizi marzo, mentre su quello del tesseramento irregolare del calciatore del Bisceglie si attende il responso della Commissione apposita che dovrebbe arrivare entro fine mese anche se al momento è tutto in stand by.

La classifica dice per ora Taranto terzo in condominio col Bisceglie, anche se è proprio il caso di dirlo che, qualora ci saranno eventuali sfasamenti, ce ne saranno delle belle davvero. Tra sette giorni (in notturna?) altra sfida corregionale contro il Brindisi, teatro negli anni Settanta in B di match all’arma bianca da ambo le parti, come ha rimarcato Battistini occorre solo timbrare più punti possibili sino al prossimo 10 maggio (giorno del Santo Patrono San Cataldo) e l’augurio che qualcosa cambi davvero fino ad allora.
A tal proposito, essendo il Santo protettore secondo la leggenda amico dei forestieri, quella domenica ci sarà in chiusura di fase regolare il derby a Man-fredonia…
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche