18 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Settembre 2021 alle 21:26:00

Calcio

Taranto calcio, parte l’operazione-rimonta

I rossoblù dovranno vincere e sperare nell’aiuto delle altre pugliesi. Mercoledì primo banco di prova: Brindisi-Andria


Scorrendo annuari ed almanacchi si nota come le rimonte in tutti i campionati sono sempre state possibili anche in extremis e con autentici colpi di scena.

L’esempio lampante è quello della Fermana 1999 guidata dall’ex di turno ed ancora amatissimo Ivo Iaconi che conquistò la serie B all’ultima giornata dopo una risalita iniziata nel girone di ritorno e con il particolare della prima fase stagionale chiusa ad appena 18 punti al terz’ultimo posto.

Il doppio dei punti conquistato nella fase discendente fece da contraltare per i marchigiani che fecero la parte del terzo godente ai danni di due corazzate come Palermo ed Juve Stabia che si alternavano ogni domenica al primo posto.

Altro esempio di promozione conquistata in rimonta risale alla stagione di C2 1995-96 quando l’Avezzano riuscì proprio all’ultima giornata a scavalcare il Frosinone che sembrava certo del primo posto dopo una lunga lista di attesa condotta per l’intera stagione spalle ai ciociari, così come anche il Matera dell’anno scorso riuscì a prendersi la vetta dopo essere stato a lungo distante, anche cinque punti, in una lotta che era oltretutto circoscritta a diverse compagini divise da pochissimi punti.

Qualora mercoledì, in caso di successo del Brindisi sulla capolista (imbattuta da oltre cinque mesi) il divario dalla Fidelis Andria dovesse restare di undici punti allora si potrebbe davvero iniziare a sperare, tenuto conto che i biancazzurri di Favarin avranno poi il derby di Monopoli (sfida sentitissima in loco) ed arriveranno alla supersfida del 29 marzo prossimo allo “Iacovone” con altre sfide regionali insidiose tra cui quella di Grottaglie la domenica delle Idi ed è rinomato che proprio i ragazzi di Pizzonia in queste gare diventano davvero delle belve indomabili, biancoverdi di Passiatore docent, essendo stati sconfitti due volte su due in questa stagione.

Ovvio che sarà fondamentale sbancare il difficile campo di Scafati ma trovarsi a meno 8 tra sette giorni non sarebbe certo un quantitativo da non tenere in conto e magari addirittura a soli due dal Potenza, impegnato a sua volta proprio al “Fanuzzi” nel prossimo turno (mercoledì sono preannunciati in tribuna il tecnico Mimmo Giacomarro ed il direttore sportivo Pietro Chiaradia).

Il bello del campionato sta del resto proprio in questo, ossia che è lungo ed imprevedibile, il guanto di sfida di Pierfrancesco Battistini, uno che di promozioni ne mastica molto ed in che maniera, è appena lanciato, domenica prossima la classifica potrebbe quindi rispolverare qualcosa di molto interessante e soprattutto di impensabile sino ad un mese addietro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche