x

x

“Il Taranto calcio a Pomigliano per vincere”

Un saggio prima che un ottimo esterno d’attacco.

La figura di Antonio D’Avanzo, irpino di Baiano (luogo natio dell’ex centrocampista rossoblù degli anni Ottanta Francesco Dell’Anno) e trapiantato ad Avellino, è l’emblema della serietà e della precisione su tutto. Del resto la sua esperienza maturata nel calcio insegna molto ed in due mesi che è a Taranto già ha le idee chiare su tutto.

“Sono in una signora società ed in un ambiente che merita ben altre platee calcistiche, visto che abbiamo un pubblico stupendo come pochi. Dobbiamo solo fare la corsa su noi stessi e non fare calcoli, poi se a due giornate dalla fine è tutto in gioco vorrà dire che ce la giocheremo, di sicuro faremo di tutto per regalare una soddisfazione bellissima a questa gente. Dico solo una cosa, ad Avellino cinque anni fa erano in serie D ed ora lottano per la serie A, hanno avuto la fortuna di usufruire di due ripescaggi consecutivi ma è anche vero che poi hanno saputo fare bene e sono convinto che faremo altrettanto qui perché i presupposti ci sono tutti”.

Domenica a Pomigliano sarà dura.
“Sicuramente si anche perché l’ambiente campano è sempre ostico per principio. Ma noi siamo forti ed andremo lì per fare la nostra partita e vincerla, dobbiamo assolutamente centrare quanti più punti possibili perché ci crediamo in toto ad un grosso risultato da centrare e quindi siamo fiduciosi che andrà tutto per il verso giusto. Loro sono in difficoltà ma non temiamo nessuno, siamo una grande squadra e dobbiamo dare continuità a questi risultati”.

Intanto la sua ex Cavese è in difficoltà e si astengono dagli allenamenti.
“Ormai, a partire dal caso Parma, è un quadro desolante che nelle categorie inferiori si ripete quotidianamente. E’ un discorso purtroppo figlio dei tempi odierni, non mi meraviglio perché già quando ero a Cava c’erano dei problemi che si sono successivamente accentuati, quindi inutile aggiungere altro. Prendiamo atto della situazione, anche se comunque questo girone H rimane sempre complesso e ricco di equilibrio”.

Undici punti dalla capolista sono recuperabili?
“Non è semplice ma niente è impossibile. Quindi sono dell’avviso che con un po’ di buona volontà ogni risultato è ampiamente centrabile. Dobbiamo, ripeto, pensare per ora solo a noi stessi e vincere queste tre partite, difficili, che ci separeranno dalla supersfida di fine mese, quindi tireremo le somme. Ora abbiamo il Pomigliano guidato da Francioso che ricordo come ex dell’Avellino in serie A e che comunque ha bisogno come noi di punti, poi penseremo al resto, per ora pensiamo ad una gara alla volta”.

Intanto sono in vendita i biglietti per i tifosi rossoblu al costo di 8 euro.