27 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2020 alle 11:41:49

Calcio

Rossoblù, ora due gare decisive

Con Puteolana e Manfredonia per blindare il secondo posto in classifica


Fine delle trasmissioni?

La sigla di chiusura Rai fino a trent’anni addietro, notoriamente trasmessa prima della mezzanotte, ricordava quotidianamente come i programmi televisivi avevano una loro cronologica fase terminale ma in casa rossoblù ci sono invece ancora 180’ fondamentali per blindare un secondo posto comunque fondamentale sotto tanti punti di vista.
Puteolana e Manfredonia, due avversari abbordabili sulla carta ma non certo da sottovalutare, costituiranno altrettanti banchi di prova per chiudere a testa alta una stagione con qualche rimpianto ma che comunque, alla luce di un ritiro iniziato dopo Ferragosto ed un organico completato strada facendo, potrebbe alla lunga anche rivelarsi incorniciata a livello trionfalistico.

La fase suppletiva stagionale, partendo dal terzo turno, potrebbe rivedere nuovamente una sfida contro il Potenza, sebbene Bisceglie e Brindisi (che dovrebbero affrontarsi al primo turno al “Ventura” ) non staranno certo a recitare ruoli di comparse e l’intervista esclusiva al direttore sportivo nerazzurro Emanuele Belviso che riportiamo a parte ricalca testuale come questa parentesi bis possa invece assumere connotati importanti anche per i murgiani di Claudio De Luca, partiti ad inizio campionato con propositi di vittoria.

Una cosa è certa, ogni avversario va sempre rispettato e temuto, che sia Bisceglie, Brindisi o Potenza, una volta superato il terzo turno poi si aprirebbero scenari molto importanti visto che ci si confronterebbe contro avversari quali Altovicentino, Piacenza, Correggese, Sambenedettese, Campobasso e Rende, con alcune di esse che vantano anche una storia in cadetteria ed in massima divisione. Ma al di là del nome di chi si affronta, alla fine conta solo timbrare il pass per il turno successivo e non fare nè calcoli e nè tabelle, visto che alla fine, inutile negarlo, ciò che conta solo unicamente i risultati.

Chiudere a quota 71 al secondo posto suonerebbe di beffa da un lato (lo scorso anno il Matera è salito in Lega Pro con 64) ma costituirebbe un grosso punto di vantaggio anche in qualità di piazzamento per la riammissione d’ufficio visto che i punti conquistati sul campo costituiscono anche fattori vantaggiosi in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche